Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2011 September;64(3) > Medicina dello Sport 2011 September;64(3):285-95

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,202


eTOC

 

  AREA MEDICA


Medicina dello Sport 2011 September;64(3):285-95

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

L’effetto del training aerobico sul controllo glicemico, sulla forma fisica e sui fattori di rischio cardiovascolare in pazienti con diabete di tipo 2 moderato e severo

Mohebbi H. 1, Rohani H. 1, Esfahani M. 2

1 Department of Exercise Physiology, University of Guilan, Guilan, Iran; 2 Department of Physical Education and Sport Sciences, University of Chabahar, Chabahar, Iran


PDF  


Obiettivo. Il diabete di tipo 2 o NIDDM è altamente correlato a obesità e inattività. Esiste un notevole potenziale per migliorare il controllo glicemico e la sensibilità all’insulina e per gestire i fattori di rischio cardiovascolare aumentando l’attività fisica tra soggetti affetti da diabete di tipo 2. Abbiamo valutato l’effetto di un programma di esercizio aerobico di 8 settimane sullo stato cardiorespiratorio, sul livello di glucosio plasmatico, sulla concentrazione di insulina e sul profilo lipidico in pazienti con NIDDM moderato e severo.
Metodi. Hanno partecipato a questo studio ventiquattro maschi affetti da diabete di tipo 2 (età 46,9±7,8 anni, altezza 165,2±5,5 cm; peso 73,5±12,2 kg; VO2max 40,3±6,5 ml/kg/min). i soggetti sono stati divisi nel gruppo con elevati valori glicemici (HG) (concentrazione media di glucosio plasmatico 217,8±25,5 mg/dl; N.=12) e nel gruppo con bassi valori glicemici (LG) (concentrazione media di glucosio plasmatica 149,9±20,2 mg/dl; N.=12). Il programma di allenamento (45 min di pedalata a intensità moderata con 60-70% della frequenza cardiaca di riserva [HRR]) è stato eseguito 3 volte alla settimana per 8 settimane. Prima e dopo il programma di allenamento è stato misurato il consumo massimo di ossigeno, la pressione sanguigna, i lipidi ematici, il glucosio plasmatico e la concentrazione di insulina.
Risultati. Diciannove soggetti hanno completato lo studio. Il VO2max è aumentato in modo rilevante in entrambi i gruppi (P<0,05). La concentrazione di glucosio ematico è ridotta in modo importante nel gruppo HG (P<0,05), mentre non è risultata statisticamente significativa nel gruppo LG. In generale, i livelli di colesterolo LDL e di trigliceridi non sono cambiati in modo rilevante in entrambi i gruppi. Il colesterolo HDL è aumentato significativamente nel gruppo HG (P<0,05) ma non nel gruppo LG. Peso corporeo, BMI e percentuale di grasso corporeo è notevolmente diminuita in entrambi i gruppi (P<0,05). Inoltre il confronto dei cambiamenti relativi ai parametri fisiologici tra i due gruppi non ha indicato differenze significative.
Discussione e conclusione. Si può concludere affermando che l’allenamento aerobico migliora il controllo glicemico, il profilo lipidico, la salute cardiorespiratoria e la composizione del corpo nei soggetti con diabete di tipo 2 e che tale miglioramento è maggiore nei pazienti con elevati valori glicemici.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail