Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2011 September;64(3) > Medicina dello Sport 2011 September;64(3):243-56

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,202


eTOC

 

  AREA FISIOLOGICA


Medicina dello Sport 2011 September;64(3):243-56

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Profilo della performance in calciatori italiani d’elite

Eirale C. 1, Bisciotti G. N. 1, Fiorella T. 2, Sannicandro I. 3

1 ASPETAR, Qatar Orthopeadics and Sports Medicine Hospital, Doha, Qatar; 2 F. C. Internazionale, Milan, Italy; 3 Motor Sciences, University of Foggia, Foggia, Italy


PDF  


Negli ultimi decenni, la tecnologia per la rilevazione del movimento nel calcio si è sviluppata notevolmente ed è attualmente utilizzata nell’analisi della performance calcistica. Abbiamo esaminato le partite casalinghe del campionato italiano di serie A nella stagione 2003-2004, usando un sistema di rilevazione basato su riprese video (Digital Stadium), i cui dati sono stati successivamente analizzati dal software “Physical Analysis” con l’obiettivo di definire un profilo della performance in base alla posizione dei calciatori sul terreno di gioco. Tutte le distanze percorse a velocità diverse da ciascun giocatore sono state registrate e analizzate. Le nostre scoperte confermano precedenti ricerche secondo le quali la posizione sul terreno di gioco è un fattore significativo nel determinare il profilo di performance di un calciatore. Non è stata rilevata alcuna differenza tra il primo e il secondo tempo, a nessuna velocità e per nessuna posizione sul terreno di gioco. In base alla posizione sul terreno di gioco, sono stati identificati vari profili di performance: 1) i centrocampisti percorrono elevate distanze a intensità medio bassa, effettuano un elevato numero di sprint per distanze brevi e dispongono di brevi recuperi; 2) gli attaccanti coprono lunghe distanze ad alta intensità, con sprint per distanze medio-lunghe e consistenti intervalli di recupero; 3) i difensori, infine, hanno un modello di performance con caratteristiche intermedie tra attaccanti e centrocampisti, con lunghe distanze coperte a bassa intensità, alternate a lunghi sprint e recuperi intermedi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail