Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2011 September;64(3) > Medicina dello Sport 2011 September;64(3):213-29

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

  AREA FISIOLOGICA


Medicina dello Sport 2011 September;64(3):213-29

lingua: Italiano, Inglese

Confronto sulla lunghezza e forza muscolare degli arti inferiori tra atleti affetti e non affetti da sindrome dolorosa femoro-rotulea

Mousavi L. S., Norasteh A. A.

Department of Sport Injury and Corrective Exercise, Faculty of Physical Education and Sciences, University of Guilan, Rasht, Iran


PDF  


Obiettivo. Lo sviluppo della sindrome dolorosa femoro-rotulea è ritenuto multifattoriale. In merito agli atleti affetti da sindrome dolorosa femoro-rotulea, tensione o brevità muscolare e forza muscolare rappresentano un tema discusso.
L’obiettivo di questo studio è stato analizzare la lunghezza e la forza muscolare degli arti inferiori in atleti affetti e non affetti da sindrome dolorosa femoro-rotulea.
Metodi. Trenta atlete di sesso femminile (15 con dolore femoro-rotuleo , 15 appartenenti al gruppo di controllo) sono state valutate su tendine del ginocchio (sollevamento della gamba tesa), quadricipite (test di ELY), gastrocnemio, lunghezza del muscolo soleo tramite l’utilizzo del goniometro universale, su rotatori esterni dell’anca e forza degli adduttori tramite l’utilizzo del dinamometro manuale e della scala analogica visiva (SAV) per l’intensità del dolore
Risultati. Il gruppo affetto da dolore femoro-rotuleo presentava lunghezza del tendine del ginocchio (P=0,046), rotatori esterni dell’anca (P=0,028) e forza degli adduttori (P=0,001) significativamente inferiori rispetto al gruppo di controllo. Nelle atlete con dolore femoro-rotuleo la lunghezza dei muscoli soleo (P=0,026) e gastrocnemio (P=0,028) era significativamente maggiore rispetto al gruppo di controllo (P<0,05).

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail