Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2011 Giugno;64(2) > Medicina dello Sport 2011 Giugno;64(2):173-84

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport

Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0025-7826

Online ISSN 1827-1863

 

Medicina dello Sport 2011 Giugno;64(2):173-84

AREA ORTOPEDICA 

Tipologia e incidenza degli infortuni negli atleti della squadra nazionale italiana partecipanti alla Coppa del Mondo di Snowboard (Report della commissione medica, Federazione Italiana Sport Invernali)

Tavana R. 1,2, De Girolamo L. 1, Panzeri A. 1,2, Banfi G. 1, Thiebat G. 1,2, Facchini F. 1, Pisoni C. 3, Pozzoni R. 1, Schoenhuber H. 1,2

1 IRCCS Galeazzi Orthopedic Institute, Milan, Italy
2 FISI (Medical commission, Italian Winter Sport Federation), Rome, Italy
3 Race Manager, National Snowboard Teams, FISI (Italian Winter Sport Federation), Rome, Italy

Obiettivo. Lo studio riporta gli infortuni registrati in quattro anni consecutivi occorsi a carico degli atleti della nazionale italiana di snowboard, appartenenti alle tre diverse discipline ammesse ai Giochi Olimpici Invernali.
Metodi. La squadra nazionale italiana di snowboard è composta da 30 atleti (21 maschi, 9 femmine). Di questi 13 praticano lo slalom alpino (7 maschi, 6 femmine), 13 lo snowboard cross (10 maschio, 3 femmine) e 4 il freestyle (tutti maschi). Il lavoro riporta i dati relativi agli infortuni occorsi dal 1 gennaio 2007 al 31 dicembre 2010 che abbiano richiesto il ritiro dalla pratica sportiva superiore a 10 giorni.
Risultati. Sono stati registrati 50 infortuni a carico di 25 atleti; di questi infortuni il 40% tra atleti del cross (N.=20), il 40% dello slalom (N.=20) e il 20% del freestyle (N.=10). Il tasso medio di incidenza annua di infortunio globale è di 0,41 infortuni/anno per atleta. Gli infortuni hanno causato una perdita media di 48 giornate nel cross e di 141 nello slalom; nel freestyle il numero medio di giornate di allenamento perse è stato di 219, valore significativamente più elevato rispetto a quello del cross (P<0,001). In media gli atleti hanno subito il maggior numero di infortuni durante una sessione di gara; un numero piuttosto elevato di infortuni, pari a circa il 40%, ha richiesto trattamento chirurgico. In tutte e tre le discipline dello snowboard, la stagione in cui si sono verificati più infortuni è quella agonistica. Lo snowboard, praticato ad alto livello, presenta un’elevata incidenza di infortuni. In particolare dai nostri dati emerge una netta prevalenza di infortuni tra gli atleti del freestyle rispetto a quelli delle altre due discipline.
Conclusioni. La conoscenza dell’epidemiologia e dell’incidenza degli infortuni nello snowboard può essere un utile strumento valutativo nella dinamica gestionale di una stagione agonistica sia per gli allenatori che per la commissione medica della squadra.

lingua: Italiano, Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina