Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2010 Settembre;63(3) > Medicina dello Sport 2010 Settembre;63(3):429-39

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport

Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0025-7826

Online ISSN 1827-1863

 

Medicina dello Sport 2010 Settembre;63(3):429-39

 AREA ORTOPEDICA

Sindrome del pronatore rotondo ed adattamento dell’allenamento: terapia conservativa in due atleti di alto livello

Chen H. 1, Liu S. 2, Schöffl V. 3, Zhang P. 2, Huang Y. 2

1 Sports Health and Rehabilitation Research Center, National Institute for Sport Science, Beijing, China
2 Gymnastic Center, State Sport General Administration, Beijing, China
3 Department of Sportorthopedics, Shoulder and Ellbowsurgery, Klinikum Bamberg, Bamberg, Germany

Questo case report descrive i casi di due ginnasti di sesso maschile di alto livello che hanno riportato affaticamento e debolezza degli arti superiori dopo un allenamento alle parallele. Entrambi lamentavano dolore a livello dell’avambraccio, debolezza alle mani e parestesie a pollice ed indice per alcuni giorni. Questo ha influenzato negativamente il loro allenamento successivo alla sbarra, alle parallele ed al cavallo. L’obiettivo di questo case report è quello di riportare degli esempi che identifichino la necessità di una corretta riabilitazione e di un adattamento dell’allenamento, al fine di raccogliere ulteriori evidenze sulla loro importanza nello sport ad alto livello e nella medicina sportiva. In entrambi i casi si è ricorsi alla terapia conservativa ed è stato studiato un riadattamento del programma di allenamento. Entrambi gli atleti sono giunti al completo recupero ed hanno potuto riprendere l’attività sportiva. Uno di essi ha vinto 2 medaglie d’oro ai Campionati del Mondo del 2006 e 2 medaglie d’oro alle Olimpiadi di Pechino.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina