Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2009 September;62(3) > Medicina dello Sport 2009 September;62(3):285-97

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA MEDICA  


Medicina dello Sport 2009 September;62(3):285-97

lingua: Inglese, Italiano

Utilizzo della coronaro-TC 64 in soggetti sottoposti a visita per idoneità sportiva agonistica

Guiducci V., Tortorella G., Manari A.

1 Unit of Interventional Cardiology, Arcispedale Santa Maria Nuova, Reggio Emilia, Italy
2 Sports Medicine Center, Reggio Emilia, Italy
3 Unit of Cardiology Hospitalization, Arcispedale Santa Maria Nuova, Reggio Emilia, Italy


PDF  


Obiettivo. Scopo del lavoro svolto è valutare la possibilità di utilizzo della coronaro-tomografia computerizzata (TC) quale strumento diagnostico di approfondimento nei casi di sospetta cardiopatia ischemica emersi durante l’idoneità sportiva agonistica.
Metodi. Dall’aprile 2006 è in funzione presso la radiologia del nostro ospedale una TC multislice 64 per lo studio dell’albero coronarico. L’indicazione a tale esame viene data dal medico cardiologo in linea con le più recenti indicazioni emerse in letteratura. Una parte dei pazienti esaminati con questa metodica proviene dal centro di medicina dello sport.
Risultati. Trenta pazienti su oltre 300 esaminati, provenivano dal centro di medicina dello sport. In 21 la coronaro TC è risultata negativa interrompendo l’iter diagnostico; in 9 casi è risultata positiva ed è stata effettuata coronarografia (CNG): 6 hanno confermato la presenza di malattia coronarica critica, mentre in 3 casi la malattia coronarica era non significativa (falsi positivi).
Conclusioni. La coronaro TC è una metodica sicura, affidabile e con un grado minimo di invasività; le indicazioni attualmente accettate a livello internazionale individuano una popolazione a basso rischio di malattia cardiovascolare, questa ben si identifica nella nostra esperienza con gli sportivi che si sottopongono a visita per idoneità.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail