Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2009 Giugno;62(2) > Medicina dello Sport 2009 Giugno;62(2):193-200

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA ORTOPEDICA  


Medicina dello Sport 2009 Giugno;62(2):193-200

lingua: Inglese, Italiano

Ricostruzione LCA a doppio fascio nello sportivo: risultati preliminari a due anni

Quaglia A., De Girolamo L., Cervellin M., Denti M., Volpi P.

Sports Traumatology and Arthroscopic Surgery Unit IRCCS Galeazzi Orthopedic Institute, Milan, Italy


PDF  


Obiettivo. Nel presente studio sono stati valutati 17 pazienti con lesione del legamento crociato anteriore, trattati chirurgicamente con tecnica transtibiale a doppio fascio.
Metodi. I pazienti, sportivi abituali con età media di 35,4 anni (range 20-49), sono stati sottoposti al medesimo protocollo riabilitativo e sono stati rivalutati a due anni dall’intervento mediante scale Lysholm e Tegner, scheda IKDC e mediante il dispositivo KT-1000.
Risultati. La Lysholm Knee Scoring Scale (LKSS) evidenzia un miglioramento del punteggio medio da 66,7±12,7 prima dell’intervento a un punteggio di 94,1±9,8 dopo l’intervento (P<0,001). La scala di Tegner invece mostra una lieve riduzione media non significativa da 7,4±2,1 a 6,8±1,6 (P=0,36). La scheda IKDC ha classificato i pazienti per il 76,4% nel gruppo A (normale) e per il 23,6% nel gruppo B (quasi normale). La valutazione con l’artrometro KT-1000 ha permesso di classificare il 70,6% dei pazienti nel gruppo A (normale) e il restante 29,4 % dei pazienti nel gruppo B (quasi normale).
Conclusioni. In conclusione, i risultati del nostro studio, seppur basati su un numero limitato di pazienti, dimostrano che la tecnica a doppio fascio proposta è efficace nel ristabilire una corretta funzionalità del ginocchio Gli autori ritengono però che sia utile in futuro implementare lo studio con valutazioni cliniche e biomeccaniche che permettano di confrontare questa tecnica con le tecniche di ricostruzione tradizionali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail