Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2008 Dicembre;61(4) > Medicina dello Sport 2008 Dicembre;61(4):429-42

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA FISIOLOGICA  


Medicina dello Sport 2008 Dicembre;61(4):429-42

lingua: Inglese, Italiano

Valutazione del dispendio energetico del ballo amatoriale nel soggetto anziano

Vivarelli C. 1, Chiarandini G. 1, Zadro I. 1,2, Antonutto G. 1,2, Tuniz D. 3

1 Department of Motor Sciences, University of Udine, Gemona del Friuli, Udine, Italy
2 Department of Biomedical Sciences and Technology, University of Udine, Udine, Italy
3 Department of Rehabilitation Cardiology, Physical and Rehabilitation Medicine Institute, Udine, Italy


FULL TEXT  


Obiettivo. Scopo dello studio era di valutare l’impegno metabolico della danza amatoriale su un campione costituito da persone adulte e anziane nel corso di tre tipi di ballo di intensità crescente (valzer lento, quick step e valzer viennese).
Metodi. Hanno partecipato allo studio 14 soggetti (7 di sesso maschile e 7 di sesso femminile) di età media 64±4 anni nel caso dei primi e 61±6 anni nel caso delle seconde. Il costo energetico (CE, kcal/[kg.min]) delle tre forme di ballo è stato valutato indirettamente dalla frequenza cardiaca di ciascun soggetto, registrata nel corso di ciascun ballo, ed essendo note le relazioni individuali tra consumo di ossigeno (VO2) e frequenza cardiaca (heart rate, HR) con un range di r2 compreso tra 0,94 e 0,99.
Risultati. I valori dei CE sono risultati, per uomini e donne, rispettivamente: 0,046 e 0,037 nel valzer lento, 0,058 e 0,050 nel quick step, 0,065 e 0,063 nel valzer viennese. Esprimendo l’intensità metabolica dei tre balli come frazione del VO2max


teorico individuale, i valori ottenuti per uomini e donne, rispettivamente, sono risultati pari al 45% e al 40% nel valzer lento, al 55% e al 51% nel quick step, al 63% e al 64% nel valzer viennese, con un conseguente impegno metabolico compreso tra 4 e 7 METs. La danza amatoriale costituisce pertanto un esercizio fisico di intensità da lieve a moderata, che contribuisce a mantenere una buona funzionalità dell’apparato cardiovascolare.
Conclusioni. Per questo motivo la danza amatoriale si addice molto alle persone adulte e anziane, considerando anche la sua importanza per la socializzazione degli anziani.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail