Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2008 Settembre;61(3) > Medicina dello Sport 2008 Settembre;61(3):347-56

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport

Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0025-7826

Online ISSN 1827-1863

 

Medicina dello Sport 2008 Settembre;61(3):347-56

 AREA MEDICA

Consumo di integratori proteici e concentrazione di omocisteina nelle persone che praticano attività sportiva in palestra

Sales Gomes G. 1, Ribeiro Garlipp M. 2, Carvalho Degiovanni G. 2, Vannucchi H. 2, Garcia Chiarello P. 2, Afonso Jordao A. 2

1 Biomedical Investigation, FMRP/USP, Ribeirão Preto, San Paolo, Brazil
2 Department of Nutrition and Metabolism, FMRP/USP, Ribeirão Preto, San Paolo, Brazil

Obiettivo. L’aumento di omocisteina e la bassa concentrazione di folati e vitamina B12 sono associati all’incidenza di patologie vascolari. L’obiettivo di questo studio era di determinare le concentrazioni di omocisteina nelle persone che praticano attività fisica e assumono integratori di proteine nella città di Ribeirão Preto, in Brasile.
Metodi. Trenta pazienti di sesso maschile di età compresa tra 20 e 40 anni, che praticano attività fisica nelle palestre della città di Ribeirão Preto hanno preso parte allo studio. I volontari sono stati sottoposti a esami biochimici (dosaggio serico di omocisteina, folati, vitamina B12, glicemia, creatinina, e lipidi), oltre a una valutazione dell’apporto nutrizionale (macronutrienti, folati e vitamina B12).
Risultati. La concentrazione plasmatica di omocisteina e gli altri esami biochimici erano nella norma per molti individui, non mostrando differenze tra coloro i quali facevano uso di integratori e il gruppo di controllo. Era presente un alto apporto dietetico di proteine (>1,2 g/kg/d) e un basso apporto di folati e vitamina B12. L’integrazione rappresentava un aumento di circa 0,5 g/kg di peso sul totale dell’apporto proteico.
Conclusioni. L’uso di integratori di proteine e proteine-calorie non modificava le concentrazioni di omocisteina, folati e vitamina B12. Riguardo alla dieta, l’alto apporto di proteine e il basso apporto di folati e vitamina B12 osservati non alteravano le concentrazioni di omocisteina. Non è stata osservata alcuna correlazione tra le variabili studiate e la concentrazione plasmatica di omocisteina.

lingua: Inglese, Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina