Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2008 March;61(1) > Medicina dello Sport 2008 March;61(1):65-70

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA ORTOPEDICA  


Medicina dello Sport 2008 March;61(1):65-70

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Pseudoaneurisma di un ramo segmentario dell’arteria tibiale posteriore in seguito a ricostruzione legamentosa del ginocchio in paziente affetto da favismo

Buda R., Mosca M., Di Caprio F., Ruffilli A., G. Rossi, Giannini S.

Rizzoli Orthopaedic Institute, University of Bologna, Bologna, Italy


FULL TEXT  


In letteratura sono stati presentati vari casi di lesione vascolare correlata a interventi di ricostruzione legamentosa artroscopica nel ginocchio. Il caso descritto riguarda un paziente affetto da favismo, sottoposto a ricostruzione artroscopica del legamento crociato anteriore con gracile e semitendinoso autologhi, e del legamento crociato posteriore con tendine di banca. Cinque giorni dopo l’intervento il paziente ha riportato una importante anemizzazione. L’angiografia ha mostrato la presenza di un piccolo pseudoaneurisma a carico di un ramo segmentario mediale dell’arteria tibiale posteriore. Il paziente è stato sottoposto a embolizzazione del vaso e quindi ha riportato un graduale recupero dei valori di emoglobina. All’ultimo controllo, tre mesi dopo l’intervento, il recupero era stato completo. Concludiamo che in corrispondenza dell’accesso tibiale prossimale è probabile che una lesione vascolare si verifichi frequentemente, ma un sanguinamento significativo è raro in quanto la sezione completa di un’arteria ne produce una retrazione con cessazione del sanguinamento. Il favismo può essere reputato una condizione favorente l’anemizzazione. L’embolizzazione deve essere considerata una procedura efficacie, veloce e poco invasiva per il trattamento del sanguinamento in vasi di piccolo calibro.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail