Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2007 Dicembre;60(4) > Medicina dello Sport 2007 Dicembre;60(4):547-56

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA FISIOLOGICA  


Medicina dello Sport 2007 Dicembre;60(4):547-56

lingua: Inglese, Italiano

Analisi biomeccanica della voga nel canottaggio

Tafuri D. 1, Federici E. 1, Tafuri M. G. 1, Torcicollo I. 2

1 Università degli Studi di Napoli Parthenope, Facoltà di Scienze Motorie, Napoli
2 Istituto per le Applicazioni del Calcolo “M. Picone”, sez. di Napoli, CNR


FULL TEXT  


Scopo. Osservazioni empiriche mostrano che il vogatore al remoergometro ha un rendimento più alto rispetto alla barca. L’obiettivo di questo studio è valutare, mediante una semplice formula, basata sui principi della fluidodinamica, la differenza direndimento e verificarne la validità .
Metodi. Non tutta la potenza applicata dal vogatore sul remo si traduce in movimento dell’imbarcazione; una parte viene dispersa. Utilizzando considerazioni di fluidodinamica, mettiamo in evidenza le forze di natura viscosa che agiscono sulla pala del remo e ne calcoliamo il lavoro effettuato. Di tale valore trovato viene aumentato il carico nelle prove al remoergometro rispetto a quelle in acqua.
Risultati. Vengono fatte eseguire agli atleti quattro prove sia al remoergometro che in barca. I tempi rilevati vengono riportati in due tabelle.
Discussione e Conclusioni. I tempi misurati in barca sono in ottimo accordo con i tempi rilevati al remorgometro quando si aumenta il carico di un valore pari alla percentuale trovata analiticamente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail