Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2005 June;58(2) > Medicina dello Sport 2005 June;58(2):107-12

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA VALUTAZIONE FUNZIONALE  


Medicina dello Sport 2005 June;58(2):107-12

lingua: Italiano

Fonti di energia metabolica nel rock-climbing

Rodio A. 1, Quattrini F. M. 1, Fattorini L. 2, Geri M. 1, Ballesio M. 2, Marchetti M. 2

1 Dipartimento di Scienze Motorie e della Salute Facoltà di Scienze Motorie, Università degli Studi di Cassino, Cassino (Frosinone);
2 Scuola di Specializzazione in Medicina dello Sport, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Roma


PDF  


Obiettivo. Individuare il contributo delle fonti anaerobiche lattacide ed alattacide per la spesa energetica effettuata durante arrampicata sportiva (rock-climbing). L’indagine è stata condotta valutando le componenti rapida e lenta del Post Exercise Oxygen Consumption (fEPOC e sEPOC) e confrontando il consumo di ossigeno inerente fEPOC e sEPOC con l’accumulo di lattato nel sangue (Elattato) e con il contributo aerobico durante esercizio.
Metodi. Hanno partecipato allo studio 6 scalatori novizi (N: 4 uomini e 2 donne che frequentavano un corso di avviamento allo sport) e 6 soggetti esperti (E; 5 uomini ed 1 donna) che praticavano lo sport da diversi anni. In tutti i soggetti è stato misurato il massimo consumo di ossigeno (V.O2max) e la soglia ventilatoria (V.O2TH). La spesa metabolica è stata calcolata durante scalata e durante recupero misurando il V.O2 con metabolimetro portatile. La spesa durante recupero è stata divisa nelle due componenti EfEPOC e EsEPOC. Il lattato è stato misurato durante la fase di recupero.
Risultati. Il V.O2 durante scalata, è risultato prossimo al V.O2TH in entrambi gruppi. La spesa energetica aerobica durante esercizio (Esalita) è risultata molto maggiore negli N rispetto agli E (3,1 vs 1,6 kJ·kg-1). Durante recupero la EfEPOC non era differente tra E ed N (0,39 kJ·kg-1 nei 2 gruppi) mentre la EsEPOC e Elattato erano decisamente superiori negli N (rispettivamente 0,5 vs 0,34 kJ·kg-1 e 0,22 vs 0,03 kJ·kg-1).
Conclusioni. Assumendo che la EfEPOC rappresenti soprattutto la resintesi di fosfocreatina si conclude che la spesa di energia anaerobica alattacida è stata eguale nei due gruppi e inferiore a quella aerobica di un fattore 10. Per contro l’apporto di energia lattacida negli N è stato 10 volte maggiore rispetto agli E mentre l’eccesso di ossigeno post-esercizio non lattato dipendente è stato circa uguale nei due gruppi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail