Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2003 December;56(4) > Medicina dello Sport 2003 December;56(4):323-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA  


Medicina dello Sport 2003 December;56(4):323-8

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il debridement artroscopico nell’impingement antero-laterale fibroso della caviglia

Salini V. 1, Passerini A. 1, D'Onofrio S. 1, Orso C. A. 1, Ripari P. 2

1 Clinica Ortopedica e Traumatologica, Università degli Studi «G. D’Annunzio», Chieti;
2 Centro di Medicina dello Sport, Università degli Studi «G. D’Annunzio», Chieti


PDF  


Obiettivo. Gli Autori riportano la loro esperienza nell’impingement antero-laterale fibroso della caviglia in 10 atleti, trattati mediante debridement artroscopico.
Metodi. Tutti i pazienti avevano una storia di ripetuti traumi in inversione della caviglia senza instabilità. La loro età minima era di 18 anni, la massima di 50 (media 32,6); 7 erano di sesso maschile, 3 di sesso femminile. Il follow-up è stato minimo di 12 mesi e massimo di 22 (media 18).
Risultati. I risultati sono stati ottimi o buoni in 8 casi (80%) e discreti in 2 (20%).
Conclusioni. Gli Autori ritengono che il debridement artroscopico produca risultati soddisfacenti immediati, nei casi in cui non vi siano gravi alterazioni ossee ostecartiliginee, con un rapido ritorno all’attività sportiva.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail