Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2003 December;56(4) > Medicina dello Sport 2003 December;56(4):311-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA MEDICINA PREVENTIVA  


Medicina dello Sport 2003 December;56(4):311-5

lingua: Italiano

Lo sport e il livello di efficienza fisica nei ragazzi di 10-12 anni di Torino

Astegiano P., Ganzit G. P., Gribaudo C. G., Stefanini L., Stesina G., Cravero M., Suraci S.

Istituto di Medicina dello Sport FMSI, Torino


PDF  


In questo lavoro vengono confrontati 3 gruppi di undicenni torinesi frequentanti la prima media: 34.095 (18.323 maschi e 15.772 femmine) visitati nel decennio 1982-1991, 6.655 (3.467 maschi e 3.188 femmine) visitati nell’anno scolastico 1996-1997 e 6.681 (3.540 maschi e 3.141 femmine) visitati nell’anno scolastico 2001-2002. In particolare, vengono confrontate le risultanze di 3 parametri: peso, V.O2max e forza muscolare, tutti riferiti alla valutazione del livello di efficienza fisica.
Il peso è risultato in aumento costante, ma è nel raffronto tra i 2 gruppi più recenti (1996/97 e 2001/02) che si rileva un incremento più marcato, specie della componente «sovrappeso oltre il 20% del teorico» ovvero obesità franca, pari al 15,14% del totale dei maschi e al 13,78% delle femmine nel 2001-2002.
Per contro il V.O2max (indice del livello di efficienza cardiocircolatoria in medicina dello sport) appare ridotto negli anni, in termini tanto assoluti quanto relativi al peso, che, con il suo incremento nel tempo, determina un deficit ancora più rilevante (e grave).
La forza muscolare, infine, non rileva modificazioni significative nel tempo, ma il raffronto con il peso indica, anche in questo caso, una riduzione della stessa per i distretti esplorati.
Le cause di questo sono sedentarietà, scarsa partecipazione all’attività agonistica (si conferma il calcio come la principale attività svolta tra i maschi), alimentazione in eccesso e basata su macronutrienti. Le soluzioni possibili sono, invece, l’informazione alimentare e l’incremento dell’insegnamento dell’attività fisica (e quindi dello sport) a livello scolastico, cominciando già dalle elementari.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail