Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2003 Dicembre;56(4) > Medicina dello Sport 2003 Dicembre;56(4):293-9

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport

Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0025-7826

Online ISSN 1827-1863

 

Medicina dello Sport 2003 Dicembre;56(4):293-9

 AREA CLINICA

Leptina plasmatica in donne vogatrici: relazione tra composizione corporea e parametri di performance

Jurimae J., Jurimae T.

Unit of Sport Pedagogy, University of Tartu, Tartu, Estonia

Obiettivo. L’obiettivo del presente lavoro è rappresentato dallo studio della stabilità dei livelli plasmatici di leptina a digiuno, nonchè dall’analisi della possibile relazione esistente tra i livelli plasmatici di leptina a digiuno e la composizione corporea e i parametri di performance in donne vogatrici.
Metodi. Hanno preso parte a questo studio dieci studentesse di college vogatrici (età media: 19,14±1,6 anni; altezza media: 173,4 ± 5,1 cm; peso medio: 67,7±10,4 kg; percentuale media di grasso corporeo: 27,8±7,8%). Durante la fase follicolare del ciclo mestruale, il mattino a digiuno sono stati prelevati due campioni di sangue venoso ai fini della determinazione dei livelli di leptina, di insulina e di glucosio, con un intervallo di 48 ore tra i due prelievi (concentrazione media di leptina: 11,0—8,1 contro 11,6±9,4 ng/ml; p=0,970). La resistenza all’insulina è stata calcolata mediante l’indice di resistenza all’insulina a digiuno (IRID: [insulina×glucosio/25]). La composizione corporea è stata calcolata per mezzo della misura dell’assorbimento dei raggi X a doppia energia (scanner Lunar DPX-IQ, Lunar Corporation, Madison, USA) ed è stata analizzata sia per la massa tissutale grassa che per quella magra. Il contenuto corporeo di acqua totale, extracellulare e intracellulare sono stati determinati grazie a un analizzatore di impedenza a multifrequenza (Multiscan-5000, Bodystat Ltd, Isola di Man, UK). È stata analizzata una prova di canottaggio di 2.000 metri, eseguita su di un vogatore ergometrico (Concept II, Morrisville, USA); inoltre è stato misurato il consumo massimo di ossigeno durante la prova (TrueMax 2400 Metabolic Measurement System, Parvo Medics, USA). Per quanto riguarda i parametri di composizione corporea analizzati, la massa corporea e la massa tissutale grassa sono stati correlati al livello plasmatico di leptina (r>0,71; p<0,020). Anche tutti i parametri relativi alla prova di canottaggio sono stati correlati al livello plasmatici di leptina (r>-0,66; p<0,003).
Risultati. L’analisi di regressione ha dimostrato che tra i parametri in grado di influenzare la variazione dei livelli plasmatici di leptina nelle donne vogatrici figurano solamente la massa tissutale grassa (R2 corretto=0,731; p<0,001), per quanto concerne la composizione corporea, e il consumo massimo di ossigeno per kilogrammo di massa corporea (R2 corretto=0,651; p<0,003), per quanto concerne i parametri della prova di canottaggio.
Conclusioni. Il presente studio ha dimostrato che la leptina è strettamente correlata alle caratteristiche specifiche della composizione corporea e ai parametri di performance nelle donne vogatrici. Sembra che il consumo relativo di ossigeno durante una prova di canottaggio sulla distanza di 2.000 metri, eseguita su di un vogatore ergometrico, oltre ad essere una funzione della composizione corporea, rappresenta il principale determinante della variazione dei livelli plasmatici di leptina, nell’ambito dei parametri di performance nelle donne vogatrici.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina