Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2003 Giugno;56(2) > Medicina dello Sport 2003 Giugno;56(2):85-93

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163

 

Medicina dello Sport 2003 Giugno;56(2):85-93

 AREA VALUTAZIONE FUNZIONALE

Studio del deficit di ossigeno in esercizi sovramassimali intermittenti eseguiti a moderata altitudine

Feriche B. 1, Delgado M. 1, Alvarez J. 2

1 Department of Physical Education, University of Granada, Granada, Spain;
2 Medical Service of the Estudiantes Basket Club (ACB league), Granada, Spain

Il presente lavoro si propone di studiare il contributo dei sistemi aerobico e anaerobico nel corso di esercizi sovramassimali intermittenti eseguiti in relativa ipossia (2 000 metri s.l.m.). In particolare si è studiata l’importanza della durata dell’intervallo tra i diversi esercizi. Gli esercizi consistevano in corsa di 400 metri su nastro trasportatore al 120% VO2 massimo. I tre protocolli erano caratterizzati rispettivamente da intervalli di riposo tra le prove di 1 (PROT 1), 2 (PROT 2) e 5 (PROT 3) minuti. Ai soggetti si chiedeva di compiere 5 prove per ciascun protocollo. I risultati ottenuti dimostrano che l’aumento degli intervalli di riposo consente una migliore performance (possibilità di percorrere buona parte dei 2 000 metri previsti). Il deficit di ossigeno accumulato era maggiore nel PROT 1 rispetto agli altri 2 protocolli (29 vs 17 e 18 ml.kg-1 min-1) dimostrando un maggior contributo dei meccanismi anaerobici nel PROT 1. Il miglioramento di prestazione che si osserva con l’aumentare del tempo di recupero è sostanzialmente dovuto ad un aumento del contributo del sistema aerobico all’esercizio.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina