Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2002 Marzo;55(1) > Medicina dello Sport 2002 Marzo;55(1):43-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA TERAPEUTICA E RIABILITATIVA  


Medicina dello Sport 2002 Marzo;55(1):43-50

lingua: Italiano

Low Level Laser Therapy (LLLT) ed efficacia clinica. Studi in doppio cieco randomizzato a confronto

Fortuna D. 1, Zati A. 2, Mondardini P. 3, Ronconi L. 4, Paolini C. 5, Billotta T. W. 2, Masotti L. 6

1 Dipartimento Cardio Toracico, Università degli Studi - Pisa;
2 Istituti Ortopedici Rizzoli - Bologna;
3 Istituto di Medicina dello Sport, FSMI - CONI;
4 El. En. Group - Calenzano Firenze;
5 Deka Mela - El. En. Group - Calenzano Firenze;
6 Dipartimento Elettronica e Telecomunicazioni, Università degli Studi - Firenze


PDF  


Obiettivo. In Letteratura esiste una grande quantità di lavori sull’efficacia clinica della Low Level Laser Therapy (LLLT) ma pochi sono gli studi clinici in doppio cieco randomizzato e, tra l’altro, esprimono pareri discordanti. Scopo di questo studio è stato quello di comprendere se l’efficacia o l’inefficacia del laser fosse o meno da correlare al tipo di apparecchio impiegato ed alla sua gestione. Non abbiamo inteso valutare la qualità dei lavori bibliografici e, per questo, non abbiamo proceduto con tecniche metanalitiche.
Metodi. Abbiamo selezionato solamente studi clinici condotti in doppio cieco randomizzato in cui fossero impiegati laser a diodi. I dati contenuti negli articoli sono stati riportati su un foglio elettronico e successivamente analizzati. A parziale integrazione dei dati tecnici riferiti dagli Autori in alcuni casi è stato necessario contattare direttamente gli Autori e le Ditte costruttrici. Sono stati quindi individuati 2 gruppi: «LLLT efficace» e «LLLT inefficace»; quindi abbiamo confrontato i vari parametri ed abbiamo elaborato l’analisi statistica.
Risultati. Il confronto fra i 2 gruppi, «LLLT efficace» e «LLLT non efficace», ha evidenziato una differenza altamente significativa relativamente alla densità di potenza di picco (W/cm2) e significativa alla fluenza (J/cm2).
Conclusioni. In conclusione questo studio evidenzia una maggiore efficacia terapeutica degli apparecchi laser gestiti ad impulsi rispetto a quelli ad emissione continua e che l’effetto terapeutico risulta essere correlato al superamento di determinate soglie dosimetriche che sono state identificate.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail