Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2002 March;55(1) > Medicina dello Sport 2002 March;55(1):23-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA CLINICA  


Medicina dello Sport 2002 March;55(1):23-7

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Mappaggio cardiaco elettro-anatomico negli atleti

Giordano-Lanza G. 1, De Simone A. 2, Tafuri D. 1

1 Università degli Studi «Federico II» - Napoli, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Dipartimento di Scienze Biomorfologiche e Funzionali, Sezione di Anatomia Umana e Istologia, Scuola di Specializzazione in Medicina dello Sport, Università degli Studi «Parthenope» - Napoli, Facoltà di Scienze Motorie;
2 Casa di Cura «S. Michele» - Maddaloni (Caserta), Laboratorio di Elettrofisiologia e Cardiostimolazione


PDF  


L’esatto mappaggio del punto di origine e attivazione dell’aritmia cardiaca è fondamentale per il successo della procedura dell’ablazione transcatetere mediante radiofrequenza (RF). Il sistema CARTO™ è un metodo nuovo, non fluoroscopico, per il mappaggio cardiaco al fine di associare uno specifico elettrocardiogramma con la posizione endocardiale da cui è stato registrato. Così, per la prima volta, il sistema CARTO™ ha permesso una precisa correlazione tra l’informazione elettrofisiologica e l’anatomia cardiaca. Il sistema raccoglie, attraverso uno speciale catetere e trasmette in seguito, sullo schermo del computer, le precise mappe elettroanatomiche tridimensionali delle diverse cavità cardiache. Le mappe sono ricostruite integrando le informazioni degli elettrocardiogrammi registrati con la conoscenza della loro precisa posizione anatomica nel cuore. Il metodo è basato sull’abilità di connettere un nuovo catetere localizzabile con un sistema di navigazione e rilevazione endocardiale. Premesso che il protocollo cardioaritmologico rappresenti ad oggi una base guida per il rilascio della certificazione agli atleti agonisti con sospetto o documentata aritmia, necessita di una revisione. Infatti rispetto agli anni passati i nuovi strumenti diagnostici e terapeutici hanno migliorato la conoscenza nel campo dell’aritmologia clinica e sportiva.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail