Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2000 Settembre;53(3) > Medicina dello Sport 2000 Settembre;53(3):255-65

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA  


Medicina dello Sport 2000 Settembre;53(3):255-65

lingua: Italiano

L’intervento di Bankart-Delitala nel trattamento della lussazione recidivante gleno-omerale

Verni E., Catani F., Guzzardella M., Perna L., Giannini S.

Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna, 9a Divisione di Ortopedia e Traumatologia, Clinica Ortopedica dell’Università


PDF  


Obiettivo. Scopo del presente studio è di analizzare i risultati dell’intervento di Bankart-Delitala nel trattamento di un campione di sportivi affetto da lussazione recidivante unidirezionale dell’articolazione gleno-omerale.
Metodi. Cinquantadue spalle affette da lussazione recidivante antero-inferiore sono state trattate consecutivamente di riparazione della lesione di Bankart a cielo aperto. Trentadue casi trattati monolateralmente sono stati rivisti ad un follow-up medio di 6±8 anni. Il ricorso ad appositi distrattori ha evitato l’osteotomia dell’apofisi coracoide. La riparazione della lesione di Bankart è stata eseguita con vari dispositivi: punti transossei, chiodini di Delitala, cambre da spalla, ancorette Statak o Mitek. I 32 atleti (21 agonisti e 11 ricreativi) sono stati analizzati mediante un questionario, la scala di Rowe e studio radiologico
Risultati. Secondo la scala di Rowe abbiamo rilevato l’81% di risultati eccellenti + buoni e il 19% di modesti e cattivi. La perdita media di extrarotazione è stata di 10° con braccio cadente e di 25° con spalla abdotta di 90°. Ventisei atleti agonisti hanno ripreso lo sport allo stesso livello. L’ulteriore lussazione è stata correlata a trauma importante ad oltre 2 anni dall’intervento e vi era correlazione fra sublussazione e rilievo al campo operatorio di cavità glenoide sfuggente. I punteggi peggiori erano correlati ad un numero elevato di lussazioni, ed al riscontro chirurgico di lesione di Bankart ossea o a rilievo di corpi mobili. La migrazione dei dispositivi è stata correlata significativamente all’uso dei chiodini di Delitala. Ventisette pazienti si sarebbero nuovamente sottoposti allo stesso intervento.
Conclusioni. I nostri risultati confermano le ragioni per cui l’intervento di Bankart-Delitala è ampiamente ritenuto l’intervento di scelta per il trattamento della lussazione recidivante monodirezionale di spalla anche in una popolazione sportiva.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail