Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2000 Giugno;53(2) > Medicina dello Sport 2000 Giugno;53(2):179-84

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA FARMACOLOGICA E DOPING  


Medicina dello Sport 2000 Giugno;53(2):179-84

lingua: Italiano

Effetto del citrato di sodio sul tempo di affaticamento durante un esercizio di intensità elevata in ipossia acuta di grado moderato

Feriche-Fernandez-Castanys B. 1, Alvarez-Garcia J. 2, Delgado Fernandez M. 1

1 Departamento de Educación Física y Deportiva Universidad de Granada, España;
2 Centro de Alto Rendimiento de Sierra Nevada, CSD


PDF  


Allo scopo di verificare gli effetti dell’uso del citrato di sodio, sul tempo di affaticamento durante un esercizio di alta intensità in condizioni di ipossia acuta di grado moderato (rapida ascensione a media altitudine), 17 maschi sani (V.O2max di 55,5±9,17 ml.kg-1.min-1) sono stati sottoposti ad un protocollo di esercizio dopo ingestione di placebo (hp) o citrato di sodio (hc).
Sono stati monitorati il tempo dell’esercizio (tp), il consumo di ossigeno (V.O2), la ventilazione (ve), il quoziente respiratorio (rer) e la frequenza cardiaca (fc). Al termine dello sforzo è stata determinata anche la concentrazione massima di lattato ematico (lac).
L’effetto dell’ingestione di citrato sui parametri registrati è stato analizzato mediante ANOVA test per dati appaiati.
L’assunzione di citrato non ha risultato modificare significativamente né il tempo di esaurimento né la concentrazione di lattato nel sangue (169,94±33,58 vs 161,82±33,96 sg e 15,3±2,1 vs 15,5±2,8 mMol.l-1 per hp e hc rispettivamente). Anche gli altri parametri analizzati non hanno mostrato significative variazioni ad eccezione della vc che dimostra una significativa riduzione del valore (p<0,05) dopo ingestione di citrato di sodio (185,71±22,98 vs 179,06±22,91 l.min-1 per hp e hc rispettivamente).
Per cui una rapida ascensione a moderata altitudine (ipossia acuta di grado moderato) non ha determinato modificazioni nei parametri considerati, in relazione all’assunzione di citrato di sodio.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail