Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2000 Giugno;53(2) > Medicina dello Sport 2000 Giugno;53(2):165-71

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA  


Medicina dello Sport 2000 Giugno;53(2):165-71

lingua: Italiano

La plica sinoviale mediopatellare sintomatica. Risultati del trattamento incruento nell’atleta

Beluzzi R. 2, Verni E. 1, Buda R. 1, Prosperi L. 2, Giannini S. 1

1 IX Divisione di Ortopedia, Traumatologia e Clinica Ortopedica dell’Università, Istituto Ortopedico Rizzoli, Bologna;
2 Divisione di Ortopedia e Traumatologia, Ospedale di Bentivoglio


PDF  


La plica sinoviale mediopatellare (PSMP) può essere responsabile di disturbi dell’apparato estensore o può simulare la presenza di una lesione meniscale. Tuttavia la sua importanza è spesso sovrastimata e talvolta la resezione artroscopica risulta non necessaria o inefficace. Gli autori analizzano i risultati del trattamento conservativo della gonalgia anteriore da plica sinoviale mediopatellare nello sportivo. L’età del campione era compresa fra la maturazione scheletrica ed i 25 anni e i criteri di selezione comprendevano l’indagine clinico-anamnestica e radiologica. Il ginocchio sintomatico è stato esaminato radiologicamente nelle due proiezioni standard e nella proiezione assiale della rotula a 45°. Inoltre sono stati eseguiti accertamenti di imaging diagnostico quali l’artro-TC oppure la RM al fine di escludere dallo studio gli atleti che presentavano disturbi interni del ginocchio associati alla plica. 28 ginocchi in 22 atleti sono stati trattati mediante infiltrazione corticosteroidea della plica sinoviale; in 19 casi è stata eseguita una seconda infiltrazione a 10-15 giorni dalla prima. 16 atleti (22 ginocchi) sono stati ricontrollati con follow-up minimo di 5 anni. La ripresa dello sport è stata completa in 16 casi mentre in 6 si è resa necessaria l’artroscopia chirurgica. Gli autori discutono le cause più frequenti di gonalgia anteriore da considerare sempre nel giovane sportivo prima di fare diagnosi di PSMP. L’infiltrazione corticosteroidea della plica è semplice, ripetibile e può essere praticata ambulatorialmente. Infine l’indagine artroscopica a breve (6 casi) o a lunga distanza (5 casi) non ha evidenziato alterazioni cartilaginee riferibili al trattamento infiltrativo. L’infiltrazione corticosteroidea della PSMP è indicata come trattamento di prima scelta in assenza di alterazioni cartilaginee e come alternativa all’artroscopia per gli atleti che rifiutano l’atto chirurgico oppure che desiderano differirlo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail