Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2000 Giugno;53(2) > Medicina dello Sport 2000 Giugno;53(2):137-44

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA CLINICA  


Medicina dello Sport 2000 Giugno;53(2):137-44

lingua: Italiano

Ruolo dell’attività fisica nel trattamento del soggetto asmatico

Balestreri F., Bertaiola M., Baratieri S., Calza Contin M., Ferrari M.

Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgiche, Servizio di Fisiopatologia Respiratoria, Università degli Studi, Verona


PDF  


Lo scopo del nostro lavoro è stato quello di valutare, attraverso una revisione critica della letteratura, l’utilità e l’effetto dell’attività fisica sulla malattia asmatica. Si è inoltre voluto verificare l’efficacia dei differenti protocolli di riscaldamento fisico nel ridurre il broncospasmo indotto da esercizio fisico. Attraverso una ricerca bibliografica tramite database Medline, estesa dal 1960 al luglio 1998 (parole chiave: asthma, exercise-induced asthma, exercise-therapy, physical conditioning) sono stati selezionati 47 lavori. Per valutare l’azione del riscaldamento fisico sul broncospasmo indotto da esercizio, è stata condotta una ricerca con analoghe modalità estesa dal 1978 al luglio 1998 (parole chiave: exercise, exercise-induced asthma, warm-up). I criteri di qualità per la valutazione degli studi sono stati: singola cecità, presenza di gruppo di controllo, randomizzazione del trattamento, valutazione strumentale del risultato e monitoraggio della terapia. La quasi totalità degli studi qualitativamente migliori presi in considerazione (7 su 8), ha confermato l’utilità dell’allenamento fisico nella malattia asmatica. Sebbene non sia possibile stabilire il tipo di esercizio più utile, si può comunque concludere che l’allenamento deve essere eseguito almeno due volte alla settimana, che il tipo di attività fisica da privilegiare deve essere di tipo aerobico e di intensità pari al 60-80% della frequenza cardiaca massima teorica; anche esercizi atti a migliorare la forza della muscolatura respiratoria esercitano un effetto positivo sulla salute dell’asmatico.
Per quanto concerne l’efficacia del riscaldamento fisico nel ridurre il broncospasmo da esercizio fisico, solo un esercizio fisico intenso, reiterato e di breve durata sembra fornire risultati utili.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail