Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2000 March;53(1) > Medicina dello Sport 2000 March;53(1):75-81

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA FARMACOLOGICA  


Medicina dello Sport 2000 March;53(1):75-81

lingua: Italiano

L’analisi dei capelli nei controlli antidoping. Potenzialità e prospettive

Botrè F. 1, Strano Rossi S. 1, Chiarotti M. 2

1 Laboratorio Antidoping, Federazione Medico Sportiva Italiana, Roma;
2 Istituto di Medicina Legale, Università Cattolica del Sacro Cuore, Policlinico A. Gemelli, Roma


PDF  


I vigenti regolamenti del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) prevedono che la positività di un atleta all’esame antidoping si abbia solo nel caso in cui sia possibile identificare l’effettiva presenza (e, in alcuni casi, in concentrazione superiore ad un ben preciso valore-soglia) di farmaci e/o loro metaboliti inclusi nelle liste di sostanze e metodi proibiti. In questa rassegna vengono presentate e discusse le potenzialità e le problematiche associate all’impiego delle matrici cheratiniche nel campo dei controlli antidoping. Vengono in particolare affrontate le possibilità offerte dall’analisi del capello per la ricerca di farmaci e/o metaboliti, esaminando singolarmente le specifiche classi di sostanze vietate dai vigenti regolamenti antidoping.
Viene in particolar modo valutata la possibilità di distinguere, mediante l’analisi del capello, fra assunzioni saltuarie e assunzioni ripetute nel tempo di un determinato principio attivo e, ove possibile, di ottenere sperimentalmente informazioni di carattere farmacocinetico che consentano di discriminare l’impiego illecito di una sostanza a restrizione d’uso dall’impiego a fini terapeutici.
Si considerano infine gli aspetti più strettamente connessi con l’applicabilità delle analisi del capello nell’ambito del sistema di controllo antidoping, sottolineando l’opportunità di garantire in ogni caso i medesimi requisiti di riservatezza, attendibilità e riproducibilità dei risultati attualmente soddisfatti dall’analisi delle urine.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail