Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2000 March;53(1) > Medicina dello Sport 2000 March;53(1):69-74

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA PSICHIATRICA E PSICOLOGICA  


Medicina dello Sport 2000 March;53(1):69-74

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Depressione, ansia, stress ed autostima in uomini d’età media con diverso impegno nell'attività sportiva

Eensoo D. 1, Harro J. 2, Harro M. 1, Rimm H. 2, Viru A. M. 3

1 Department of Public Health, University of Tartu, Tartu, Estonia;
2 Department of Psychology, University of Tartu, Tartu, Estonia;
3 Department of Sports Biology, University of Tartu, Tartu, Estonia


PDF  


È noto che una buona salute mentale è associata positivamente all’attività fisica. Tuttavia non è chiaro quanta attività fisica sia necessaria e quali siano le attività più benefiche.
Lo scopo di questa ricerca è quello di valutare l’associazione tra attività fisica intensa ed attività nel tempo libero nell’anno scorso, ed il coinvolgimento dell’allenamento molto intenso negli ultimi tre mesi con la depressione, lo stato d’ansia, lo stress e l’autostima.
L’allenamento sportivo intenso e regolare durante gli ultimi tre mesi e l’attività fisica ricreativa sono stati valutati mediante questionari in 81 soggetti sani, di sesso maschile, di età media (età media 40 anni). Le valutazioni psicometriche sono state eseguite mediante l’uso della versione Estone approvata dal Beck of Depression Inventory, State-Trait Anxiety Inventory_Form, Perceived Stress Scale e SelfEfficacy Scale.
Un terzo dei soggetti non aveva svolto attività fisica ricreativa moderata o intensa durante lo scorso anno. La suddivisione dei restanti soggetti per attività fisica mediana (2,1 ore/settimana) ha rivelato che il gruppo più attivo fisicamente era in modo significativo meno depresso, stressato ed ansioso, e presentava un punteggio più elevato di autostima rispetto ai soggetti più sedentari. In questo campione il 25% dei soggetti era impegnato in allenamenti sportivi intensi e regolari negli ultimi tre mesi. Il gruppo con attività fisica intensa negli ultimi tre mesi non differiva dal gruppo non sportivo per quanto riguarda le valutazioni psicologiche.
Questi risultati dimostrano che l’attività ricreativa modesta o l’attività fisica intensa dell’anno scorso, hanno un effetto positivo sulla salute mentale degli uomini di età media.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail