Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 1999 December;52(4) > Medicina dello Sport 1999 December;52(4):277-86

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA MEDICINA LEGALE  


Medicina dello Sport 1999 December;52(4):277-86

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Visione e sport. Problemi medico legali emergenti

Gottin M. 1, Giacchino M. 1, Oberto M. 2, Chiey A. 3

1 UONA Medicina dello Sport, SL 7, Chivasso (Torino);
2 UOA Medicina Legale, ASL 7, Chivasso (Torino);
3 Istituto di Medicina dello Sport FMSI-CONI, Torino


PDF  


Le informazioni sensoriali necessarie alla pratica dello sport agonistico sono prevalentemente fornite dall’apparato visivo, la cui funzionalità riveste pertanto un’importanza fondamentale per l’atleta. Allo scopo di valutare le performances visive, sono state esaminate le cartelle cliniche di 2435 atleti visitati per la concessione dell’idoneità sportiva agonistica presso la UONA di Medicina dello sport della ASL 7, Regione Piemonte, tra il 1994 e il 1998. Difetti visivi sono stati rilevati in oltre il 22% dei soggetti, mentre nel 14% dei casi l’acutezza non raggiungeva gli 8/10 per occhio; nel 12% degli sportivi è stato prescritto l’obbligo di correzione diottrica.
Solo l’1,3% degli atleti visitati usava lenti corneali, mentre l’8,5% di tutti i soggetti visitati ignorava di essere portatore di un deficit del visus. Abbiamo riscontrato una maggior percentuale di deficit del visus nelle femmine rispetto ai maschi e negli sportivi ultraquattordicenni in confronto con quelli più giovani. Tra le 10 discipline sportive più rappresentate nella casistica, sono state rilevate percentuali di atleti ametropi superiori alla media tra i praticanti ciclismo, pallacanestro, baseball, pallavolo, atletica e nuoto. Un tasso di ametropie inferiore alla media è stato invece rilevato nel tennis, nel calcio, nel pattinaggio, nelle arti marziali. Vengono infine discussi alcuni aspetti medico legali, la cui importanza si ritiene destinata a crescere, quali l’esigenza di un rinnovo della normativa specifica vigente, l’opportunità e il valore vincolante di linee guida aggiornate in materia, la validità medico legale dell’eventuale obbligo di uso di lenti correttive introdotto nella Regione Piemonte sul certificato di idoneità sportiva agonistica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail