Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 1999 Settembre;52(3) > Medicina dello Sport 1999 Settembre;52(3):159-63

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport

Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0025-7826

Online ISSN 1827-1863

 

Medicina dello Sport 1999 Settembre;52(3):159-63

 AREA BIOLOGICA

Superallenamento (Overtraining syndrome) e radicali liberi

Rossi R., Parisse I., Tassi C., Gambelunghe C., Micheletti A., Sammarco S., Gentile L., Ruffini S.

Scuola di Specializzazione in Medicina dello Sport, Università degli Studi - Perugia

La sindrome da overtraining colpisce gli atleti che vengono sottoposti a carichi di lavoro superiori alle capacità di recupero. Rappresenta una patologia grave soprattutto per la durata della sintomatologia che impedisce il normale allenamento e favorisce l’instaurarsi della «staleness syndrome», lo svuotamento psico-fisico dell’atleta.
Precoci alterazioni dell’umore consentono di diagnosticare l’insorgenza della sindrome da superallenamento prima ancora che inizino i danni fisici.
Oggi si sta affacciando l’ipotesi che alla base di questa patologia possa esserci uno stress ossidativo indotto dall’esercizio fisico estremo con produzione mitocondriale di superossidi.
Anche se la somministrazione diretta di antiossidanti non è in grado di risolvere la patologia in atto, un preventivo potenziamento delle capacità antiossidanti dell’organismo potrebbe rappresentare la terapia più efficace dell’overtraining.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina