Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 1998 December;51(4) > Medicina dello Sport 1998 December;51(4):401-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA  


Medicina dello Sport 1998 December;51(4):401-4

Copyright © 1998 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Holmium:Yag laser nelle meniscectomie artroscopiche

Clementi D., Bernasconi S., Valadé M., Arosio B.

II Divisione di Ortopedia e Traumatologia - ICP Milano


PDF  


L’Holmium:Yag laser è una metodica artroscopica di recente introduzione per la cura di alcune meniscopatie. Alcuni Autori hanno già evidenziato le caratteristiche positive di lavoro di questo strumento quali la precisione, la sicurezza, i limitati effetti collaterali.
Questo studio, condotto nel 1997, vuole confrontare l’efficacia dell’Holmium:Yag laser rispetto ad altre tecniche artroscopiche per la cura delle meniscopatie. Sono stati inclusi 21 pazienti, operati in regime di one-day surgery di meniscectomia parziale artroscopica con sonda laser Holmium:Yag 2.1 μm; di età compresa tra 21 e 32 anni, tra cui 15 meniscopatie mediali e 6 laterali. Si trattava prevalentemente di lesioni longitudinali a carico del corno posteriore. Non sono state trattate lesioni «a manico di secchio». Il follow-up medio è stato di 4 mesi.
Si sono osservati una riduzione del tempo operatorio, una diminuzione del dolore postoperatorio; non si sono verificate complicanze imputabili al laser, nessun caso di infezione o sequele tromboemboliche. Si è osservata una generale soddisfazione dei pazienti per quanto riguarda il miglioramento della sintomatologia. Si è intrapreso un programma riabilitativo il giorno successivo l’intervento ed, in caso di atleti, si è assistito ad un ritorno all’attività agonistica tra il 15° e 30° giorno. L’uso del laser, pur in una fase ancora sperimentale, si è dimostrato vantaggioso sia per le aspettative dei pazienti sia per l’operatore, infatti si è osservata una maggiore accuratezza di taglio, una più precisa asportazione di tessuto soprattutto nelle zone di difficile accesso con i tradizionali strumenti artroscopici e dove la commistione di tessuto sano e patologico è più presente. In particolare i migliori risultati si sono ottenuti nelle lesioni longitudinali ed oblique.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail