Ricerca avanzata

Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 1998 Dicembre;51(4) > Medicina dello Sport 1998 Dicembre;51(4):355-60

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163

 

Medicina dello Sport 1998 Dicembre;51(4):355-60

 AREA BIOLOGICA

Relazione tra antropometria toracica e volumi polmonari in giovani adulti valutati per l’idoneità sportiva agonistica

Ferrante E. 1, Anaclerio M. 1, Quatela M. 1, Fuso L. 2, Tramaglino L. 2, Pistelli R. 2

1 Servizio di Fisiopatologia Respiratoria, Policlinico Militare di Roma;
2 Servizio di Fisiopatologia Respiratoria, Università Cattolica di Roma

I valori teorici per ogni variabile spirometrica sono ottenuti in ogni soggetto utilizzando equazioni nelle quali sono incluse l’età e caratteristiche antropometriche come l’altezza. Lo scopo del nostro lavoro è stato di verificare se altre caratteristiche antropometriche differenti dall’altezza potrebbero essere utilizzate per predire i volumi polmonari. Abbiamo studiato 92 soldati sani ai fini dell’idoneità sportiva agonistica. L’età media era 20,5 anni ed i fumatori erano il 41%. Le misure antropometriche rilevate oltre all’altezza totale (AT) erano l’altezza da seduto (AS), la distanza biacromiale (DB) ed il perimetro toracico (PT). In 10 soggetti ogni misura veniva rilevata 3 volte da 2 operatori per valutarne la riproducibilità. La spirometria era effettuata secondo le indicazioni dell’American Thoracic Society. La Capacità Vitale Forzata Espiratoria (CVFE) ed il Volume Espirato Massimo nel primo Secondo (VEMS) erano le variabili dipendenti nei nostri modelli. La tecnica della regressione lineare multipla era utilizzata nell’analisi statistica. La AS mostrava una migliore correlazione della AT con la CVFE con una performance del modello finale rappresentata da un R quadro di 0,4648.
Anche nel modello applicato al VEMS la AS mostrava una maggiore significatività (modello finale R quadro=0,3703) con miglioramento della performance del modello (R quadro=0,4427) quando era considerata la variabile fumo. La DB mostrava una significatività nel modello applicato alla CVFE ed anche nel modello applicato al VEMS quando veniva considerata la variabile fumo. Non si rilevavano differenze significative nella riproducibilità intraoperatore. Solo la DB mostrava una differenza significativa, inferiore al centimetro, nella riproducibilità tra operatori. I nostri dati suggeriscono che la AS e la DB possono essere utilizzati nelle equazioni per il calcolo dei volumi polmonari teorici.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina