Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 1998 June;51(2) > Medicina dello Sport 1998 June;51(2):221-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA VALUTAZIONE FUNZIONALE  


Medicina dello Sport 1998 June;51(2):221-5

lingua: Inglese

Esecuzione della corsa e capacità aerobica in podisti di sesso femminile

Nurmekivi A. 1, Lemberg H. 2, Maaroos J. 3, Lusti J. 1, Jurimae T. 1

1 Institute of Sport Pedagogy, niversity of Tartu, Tartu, Estonia;
2 Sport Centre, niversity of Tartu, Tartu, Estonia;
3 Department of Sports Medicine and Rehabilitation, University of Tartu, Tartu, Estonia


PDF  


Lo scopo del presente studio è stato di determinare quali sono le variabili fisiologiche più rappresentative nell’esecuzione di corse podistiche su distanza da media a lunga presso corridori di sesso femminile. Venti podiste, dal livello di club a quello internazionale, sono state suddivise in tre gruppi: (A) podisti sui 400-800 m (n=8); (B) podisti sui 1500-3000 m (n=7); e (C) podisti di mezza maratona (n=5). Sono stati misurati: il consumo massimo di O2 (V.O2max), la soglia anaerobica (AT), la soglia aerobica (AERT) e l’economia di corsa (RE) alla velocità di corsa di 13 km/h. Il V.O2max/kg minore è stato rilevato in un gruppo A e quello massimo in un gruppo C (52,0±2,6 - 59,9±2,4 ml·min-1·kg-1, p<0,05 - 0,01). Il V.O2/kg minore all’AERT è stato rilevato in un gruppo A (p<0,05) ed il tasso cardiaco (HR) minore alla stessa intensità in un gruppo C (p<0,05). L’economia di corsa minore calcolata in percentuali sul V.O2max/kg e sul HRmax è stata rilevata in un gruppo C (p<0,01). Nel gruppo A i V.O2 all’AT e all’AERT sono risultati in correlazione significativa (entrambi r=-0,65, p<0,05) con l’esecuzione della corsa. In un gruppo C soltanto il peso corporeo ha influenzato negativamente l’esecuzione della corsa (r = -0,94; p<0,01). Una volta inserite tutte le variabili fisiologiche impiegate in una procedura di regressione multipla graduale avanzata, soltanto in un gruppo B la RE ha reso ragione del 94,9% (R2) della varianza nei risultati all’esecuzione della corsa. È stato concluso che in gruppi omogenei di podisti di sesso femminile su distanza media-lunga, solo la RE può rendere conto di larga parte dell’esecuzione della corsa presso podisti su distanza media.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail