Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 1998 June;51(2) > Medicina dello Sport 1998 June;51(2):197-205

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA MEDICINA PREVENTIVA SOCIALE E IGIENE  


Medicina dello Sport 1998 June;51(2):197-205

Copyright © 1998 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Le finalità della Medicina dello Sport alla luce della riflessione bioetica

Accettella U.

Istituto di Clinica Chirurgica d’Urgenza e di Pronto Soccorso, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Roma «La Sapienza», Roma


PDF  


Gli obiettivi della Medicina dello Sport sono diversi ma tutti di estremo interesse. Dall’attività di ricerca in campo neuro-fisiologico alla valutazione dell’idoneità funzionale degli atleti, dall’aspetto di prevenzione all’attività curativa e di riabilitazione. È sembrato interessante all’A. valutare questi obiettivi alla luce della riflessione bioetica. Dopo aver brevemente riassunto l’evoluzione del «fenomeno sport» nel corso dei secoli, vengono presentati gli obiettivi della Medicina dello Sport e le raccomandazioni, formulate dal Codice di Deontologia Medica per un corretto comportamento dei medici che si dedicano a questa attività.
Le finalità della Medicina dello Sport vengono valutate alla luce dei criteri universalmente riconosciuti, e cioè beneficialità e non maleficenza, autonomia e giustizia e ad una prima riflessione possono essere considerate sicuramente positive ed eticamente corrette perché proiettate alla prevenzione della salute specie dei giovani. Ad una valutazione più attenta alcune problematiche possono destare perplessità. Infatti la preparazione atletica e gli allenamenti alcune volte possono creare problemi e pertanto dovrebbe essere più chiara l’informazione e la richiesta del consenso specie per i più giovani. Inoltre lo sport per le sue funzioni di prevenzione e di tutela dovrebbe essere considerato un bene comune e pertanto «il diritto allo sport» dovrebbe essere offerto a tutti ma specialmente alle classi più giovani. Risulta evidente che i rappresentanti ufficiali della Medicina dello Sport si devono sentire in qualche modo responsabilizzati di fronte a questi problemi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail