Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 1998 Marzo;51(1) > Medicina dello Sport 1998 Marzo;51(1):97-103

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA VALUTAZIONE FUNZIONALE  


Medicina dello Sport 1998 Marzo;51(1):97-103

lingua: Italiano

Rilievi sulla reattività e sulla forza muscolare elastica degli arti inferiori in giovani in età evolutiva

Bondi S. 1, Cogo C. E. 2, Vassallo G. M. 3, Ravera G. B. 4

1 Dipartimento di Scienze Motorie, Cattedra di Medicina dello Sport, Università degli Studi - Genova;
2 Istituto di Fisiologia Umana, Università degli Studi - Genova;
3 Servizio di Medicina dello Sport, USL 3 Genovese, FMSI - Genova;
4 Istituto di Statistica Medica e Biometria, Università degli Studi - Genova


PDF  


Nel presente lavoro si è studiato il comportamento neuromotorio di un collettivo di 563 bambini di età compresa tra 10 e 12 anni, di entrambi i sessi, appartenenti alle scuole elementari e medie del comprensorio comunale di Genova, negli anni 1994-1996, durante l’esecuzione di un movimento complesso, quale il salto.
In particolare si è studiato se esiste una relazione tra statura, lunghezza del tronco e degli arti inferiori, altezza del salto e tempo di contatto al suolo, per testare la possibile influenza dei parametri corporei sullo sviluppo della forza muscolare.
Il collettivo è stato sottoposto a misurazioni antropometriche (statura, peso, lunghezza del tronco e degli arti inferiori) ed a valutazione funzionale con la pedana a conduttanza di Bosco (tempo di contatto al suolo e tempo di volo nel drop jump test).
I risultati sono stati analizzati e confrontati tra loro mediante test di analisi multivariata (varianza e regressione). Sono stati considerati significativi valori per p<0,05.
Dai dati suddivisi per età emerge che, in entrambi i sessi, la migliore performance nel salto, sia per valori di TC che di TV, avviene a 12 anni nei gruppi praticanti sport, qualora la lunghezza degli arti inferiori sia prevalente sulla lunghezza del tronco ed anche applicando diverse strategie di esecuzione. Tuttavia il periodo prepuberale coincide con un appiattimento della prestazione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail