Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 1998 Marzo;51(1) > Medicina dello Sport 1998 Marzo;51(1):77-83

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA MEDICINA PREVENTIVA SOCIALE E IGIENE  


Medicina dello Sport 1998 Marzo;51(1):77-83

lingua: Italiano

Attività quindicennale di un Servizio di Medicina dello Sport. Contributo epidemiologico e revisione cause di non idoneità

Di Pizio E. 1, Di Giovanni G. 2

1 Servizio di Medicina dello Sport, ASL Teramo - Presidio Sanitario Giulianova;
2 Ambulatorio di Cardiologia, ASL Teramo - Presidio Sanitario Giulianova


PDF  


Gli Autori hanno analizzato i risultati degli ultimi 15 anni di attività (1982/1996) del Servizio di Medicina dello Sport del Presidio Sanitario di Giulianova (TE). Durante lo studio di 16.062 casi di Medicina dello Sport si sono potute vedere le cause principali di non idoneità, che riguardava lo 0,61% dei casi (98) soggetti.
Il periodo di tempo preso in considerazione è stato suddiviso in periodi di 5 anni e, grazie ad una tecnologia più avanzata, è risultato che la percentuale di non idoneità è di circa l’1% e quindi più simile alle percentuali riscontrate nel corso di altri studi epidemiologici.
Le principali cause di non idoneità (81%) sono legate a problemi del sistema cardiocircolatorio e si riscontrano soprattutto in persone adulte che praticano un’attività aerobica.
Questi dati sono apparentemente in contrasto con la convinzione comune che l’attività aerobica sia utile nella prevenzione e nella riabilitazione di quelle persone che soffrono di comuni patologie croniche (patologie coronariche, ipertensione, ecc.). Ma la maggior parte degli adulti pratica l’attività aerobica, essendo più consono alle loro caratteristiche fisiche.
Il giudizio di non idoneità non dovrebbe essere irrevocabile, ma riferito alla condizione presente dell’atleta e alla nostra conoscenza del momento. In altre parole, il giudizio potrebbe cambiare col passare del tempo.
Ci auguriamo una maggiore diffusione degli studi sui casi e delle esperienze dei vari Centri e Servizi di Medicina dello Sport e ci auguriamo inoltre che venga istituito un Osservatorio Epidemiologico Nazionale dove possano essere inseriti i dati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail