Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 1998 Marzo;51(1) > Medicina dello Sport 1998 Marzo;51(1):47-51

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,163


eTOC

 

AREA BIOLOGICA  


Medicina dello Sport 1998 Marzo;51(1):47-51

lingua: Italiano

Analisi citofluorimetrica dei sedimenti urinari in atleti impegnati in una competizione a tappe di sci nordico

Roi G. S. 2, Ferrara F. 1, Makovec E. 1, Lamonaca M. G. 1, Buselli P. 2, Banfi G. 1

1 Servizio Integrato di Medicina di Laboratorio, IRCCS H San Raffaele, Milano;
2 Marathon Sport Medical Center, Brescia


PDF  


In questo studio sono analizzati i sedimenti urinari di 10 atleti partecipanti alle prime due tappe di una competizione internazionale di sci di fondo. I sedimenti sono stati analizzati al microscopio ottico e con tecnica citofluorimetrica, con il duplice scopo di paragonare la sensibilità delle due metodiche e di evidenziare eventuali modificazioni qualitative e quantitative dei sedimenti stessi indotte dall’esercizio fisico. La citofluorimetria ha permesso di evidenziare le cellule nel sedimento urinario in molti casi in cui la normale microscopia ottica era risultata negativa. In particolare la citofluorimetria è risultata più sensibile della microscopia ottica nel 43% (p<0,001) dei casi per quanto riguarda il riscontro di eritrociti e nel 38% (p<0,001) dei casi per quanto riguarda il riscontro di leucociti e di cellule epiteliali nel sedimento.
Nel 44% dei sedimenti che risultavano negativi alla microscopia ottica, la citofluorimetria evidenziava la presenza di eritrociti.
La comparsa delle cellule nel sedimento urinario sembra legata all’intensità dell’esercizio compiuto, che in genere è maggiore negli atleti meno allenati. La perdita di eritrociti con le urine può contribuire ad instaurare il quadro di anemia dell’atleta.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail