Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2014 March;173(3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2014 March;173(3):141-3

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2014 March;173(3):141-3

Copyright © 2014 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Endometriosi in una paziente con sindrome di Mayer-Rokitansky-Küster-Hauser

Savone R., Salvatore G., Di Francesco A.

Unità Complessa di Ostetricia e Ginecologia Lanciano, Chieti, Italia


PDF  


Riportiamo il caso di una paziente con Sindrome di Rokitansky-Küster-Hauser affetta da endometriosi ovarica destra come prova a supporto della teoria della mestruazione retrograda quale causa dell’endometriosi. Una paziente di 25 anni giunge alla nostra osservazione clinica per dolori pelvici in amenorrea primaria. La paziente viene sottoposta a visita ginecologica ed ecografia pelvica e si conferma la diagnosi di Sindrome di Rokitansky-Küster-Hauser; all’esame ecografico TV si evidenzia una voluminosa neoformazione cistica bilobata di circa 12-15 cm di diametro a carico dell’ovaio destro verosimilmente di natura endometriosica con ovaio controlaterale regolare e assenza del corpo uterino. La paziente viene sottoposta ad intervento chirurgico di laparoscopia dove si evince l’assenza del viscere uterino, l’abbozzo dell’emicorno sinistro sormontato da un annesso normoconformato, una pelvi totalmente occupata da una formazione cistica bilobata a partenza ovarica destra, un rudimentale emicorno uterino destro. Si procede ad incisione della cisti e suo svuotamento con drenaggio di liquido piceo, quindi a resezione del parenchima ovarico e a stripping della parete cistica. L’esame istologico ha confermato la diagnosi di cisti endometriosica. La presenza dei due rudimentali emicorni uterini sarebbe a favore dell’ipotesi del reflusso tubarico del sangue mestruale (teoria di Sampson) quale patogenesi dell’endometriosi pelvica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail