Ricerca avanzata

Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2014 Marzo;173(3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2014 Marzo;173(3):109-18

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOGAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia

Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Mensile

ISSN 0393-3660

Online ISSN 1827-1812

 

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2014 Marzo;173(3):109-18

 ARTICOLI ORIGINALI

Distribuzione del polimorfismo C677T nel gene MTHFR in atleti coreani

Duk Oh S.

College of Physical Education Hanyang University, Seoul, Korea

Obiettivo. L’aumento del livello di omocisteina totale (tHcy) rappresenta un nuovo fattore di rischio per le malattie cardiovascolari, e il polimorfismo C677T nel gene metilenetetraidrofolato reduttasi (MTHFR) è associato alle differenze interindividuali nel livello di tHcy. Obiettivo del presente studio è stato quello di esaminare la distribuzione del polimorfismo C677T nel gene metilenetetraidrofolato reduttasi (MTHFR) in atleti e controlli coreani di sesso maschile, e la sua associazione con numerosi fattori di rischio cardiovascolari.
Metodi. I parametri biochimici come i livelli di colesterolo totale (CT), trigliceridi (TG), colesterolo HDL, lipoproteina-a [Lp (A)], folato, omocisteina totale (tHcy) e glucosio plasmatico sono stati analizzati da un analizzatore automatico, mentre i dati su struttura e funzionalità cardiaca sono stati misurati dall’ecocardiografia M-mode. Nel caso del polimorfismo C677T nel gene MTHFR è stato utilizzato il metodo SNaPshot.
Risultati. Sebbene non sia stata osservata nessuna differenza significativa nella distribuzione del polimorfismo C677T tra i nostri controlli e gli atleti, oltre che in ciascun sottogruppo di atleti, questo polimorfismo era associato in maniera significativa al livello sierico di tHcy in entrambi i gruppi (P<0,05). Nel caso degli atleti, l’associazione significativa è stata osservata anche tra il polimorfismo C677T e numerosi dati ecocardiografici (P<0,05).
Conclusioni. Per riassumere, i nostri dati riflettono il fatto che il polimorfismo C677T nel gene MTHFR può essere un utile marcatore genetico per il metabolismo dell’omocisteina e la funzionalità cardiovascolare in un gruppo particolarmente atletico.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina