Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2014 January-February;173(1-2) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2014 January-February;173(1-2):71-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2014 January-February;173(1-2):71-4

Copyright © 2014 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Gravidanza gemellare con mola idatiforme completa e coesistente feto normale, complicata da molare previa e bassi livelli errati di β-hCG

Kurt S., Uyar I., Demirtas O., Tan N., Tasyurt A.

Department of Obstetrics and Gynecology Tepecik Education and Research Hospital Izmir, Turkey


PDF  


La gravidanza gemellare con mola idatiforme completa e feto normale coesistente è una condizione clinica rara. La previa presentazione di componente molare è insolita. Il decorso di queste gravidanze dipende da complicanze correlate della componente molare, come preeclampsia ad insorgenza precoce, ipertiroidismo, sanguinamento vaginale, parto pretermine e morte intrauterina del feto. Una gravidanza gemellare con mola completa e feto normale a 18 settimane di gestazione è stata ammessa alla nostra clinica. I test di laboratorio hanno evidenziato anemia e un livello molto basso di β-hCG. Il test di gravidanza sulle urine è risultato falso negativo. Dopo la diluizione, l’esame β-hCG era incredibilmente elevato. Questa patologia è nota come “effetto gancio” in letteratura. La posizione posteriore della placenta normale e la posizione previa della componente molare sono state esplorate mediante ecografia. È stata eseguita l’amniocentesi genetica per il feto con cariotipo 46,XY e il CVS dalla placenta molare ha rivelato 46,XX. La gravidanza è stata interrotta a causa di preeclampsia e sanguinamento vaginale. I risultati istopatologici hanno riportato struttura fetale immatura e mola idatiforme. Il livello sierico di β-hCG è diminuito e la paziente è stata seguita per la malattia trofoblastica persistente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail