Ricerca avanzata

Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Novembre;172(11) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Novembre;172(11):859-68

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOGAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia

Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Mensile

ISSN 0393-3660

Online ISSN 1827-1812

 

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Novembre;172(11):859-68

 ARTICOLI ORIGINALI

Correlazioni tra struttura della parete aortica e sviluppo di aneurismi

Olariu S. 1, Turşie A. 2

1 Surgery Clinic I,University of Medicine and Pharmacy, “Victor Babeş”, Timişoara, Romania;
2 Clinic of Vascular Surgery, University of Medicine and Pharmacy , “Victor Babeş” Timişoara, Romania

Obiettivo. Obiettivo del presente articolo è stato quello di individuare alcuni elementi coinvolti nello sviluppo degli aneurismi aortici utilizzando un’analisi meccanico-morfologica della parete aortica.
Metodi. I dati morfologici ottenuti dalla sezione di 60 cadaveri non conservati sono stati integrati da un’analisi istologico-meccanica per valutare la resistenza della parete aortica con il dispositivo computerizzato “TIRA TEST 2161”. Per l’analisi sono state utilizzate aorte ateromatose, aorte non ateromatose e innesti aortici.
Risultati. I risultati sono stati confrontati con importanti statistiche cliniche e hanno dimostrato che: non esiste alcuna correlazione tra la normale morfologia dell’aorta e la sede degli aneurismi aortici; la frequenza degli aneurismi aortici è strettamente associata al crescente numero di placche ateromatose con origine nella biforcazione dell’aorta; le aorte ateromatose hanno un maggiore livello di resistenza e l’arco è la parte più resistente; le aorte non ateromatose sono meno resistenti alla rottura che origina dalla biforcazione; l’ateromatosi non protegge dalla rottura; la percentuale di allungamento della parete era uguale in entrambe le categorie studiate e ha dimostrato che lo stress parietale tra le placche ateromatose è eccessivo, causandone un deterioramento con il passare del tempo; l’area di giunzione: parete aortica normale-placca ateromatosa è una zona debole che riveste un ruolo importante nel meccanismo di espansione e rottura dell’aneurisma.
Conclusioni. Possiamo affermare che quest’area è il punto di inizio dello sviluppo degli aneurismi.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina