Ricerca avanzata

Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Luglio-Agosto;172(7-8) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Luglio-Agosto;172(7-8):553-60

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOGAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Luglio-Agosto;172(7-8):553-60

 ARTICOLI ORIGINALI

Significato clinico del danno renale acuto nella dissezione aortica acuta di tipo B non chirurgica

Hata N., Shinada T., Kobayashi N., Tomita K., Shirakabe A., Tsurumi M., Matsushita M., Shimura T.

Intensive Care Unit, Chiba Hokusoh Hospital Nippon Medical School, Inzai, Japan

Obiettivo. L'obiettivo di questo studio è chiarire il significato clinico del danno renale acuto (acute kidney injury, AKI), valutato con un metodo standard, in pazienti con dissezione aortica acuta (acute aortic dissection, AAD) di tipo B non chirurgica.
Metodi. In 94 pazienti con AAD di tipo B non chirurgica è stata effettuata una valutazione del danno renale acuto mediante classificazione RIFLE (Risk, Injury, Failure, Loss of kidney function and End-stage kidney disease). È stata condotta un'analisi retrospettiva dell'incidenza di AKI durante la degenza ospedaliera, dei fattori associati alla comparsa di AKI, e delle relazioni tra AKI ed outcome.
Risultati. Cinquantanove pazienti (62,8%) hanno sviluppato un AKI durante l'ospedalizzazione, alla giornata di degenza 4,6±5,4. La comparsa di AKI è risultata associata a livelli molto elevati di proteina C-reattiva e conta leucocitaria, ad una ipertermia prolungata, e ad ischemia viscerale con interessamento del rene e del tratto gastrointestinale. L'insorgenza di AKI nei pazienti con AAD di tipo B non chirurgica è risultata frequente ed associata a mantenimento del circolo renale e reazioni infiammatorie. Il 44% dei pazienti con AKI ha recuperato la funzionalità renale durante la degenza ospedaliera; ciò si è verificato soprattutto nei casi in cui non era presente un'insufficienza renale cronica. La durata della degenza sia in terapia intensiva che in ospedale è risultata più lunga nei pazienti con AKI severo (AKI di classe F) che negli altri.
Conclusioni. L'insorgenza di AKI nei pazienti con AAD di tipo B non chirurgica è risultata frequente ed associata a mantenimento del circolo renale, reazioni infiammatorie e outcome sfavorevole. Il 44% dei pazienti con AKI ha recuperato la funzionalità renale durante la degenza ospedaliera; ciò si è verificato soprattutto nei pazienti che non presentavano un'insufficienza renale cronica.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina