Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 June;172(6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 June;172(6):503-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

REVIEW  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 June;172(6):503-9

lingua: Italiano

Biomarker nella malattia calcifica della valvola aorta

Incardona V. M., Dato E., Dato A. G.

Centro di Diagnostica Cardiovascolare del Dott. Dato Achille Giuseppe & C., Paternò, Catania, Italia


PDF  


La malattia calcifica della valvola aorta (MCVA) è la più comune patologia valvolare. La gravità della MCVA varia da una forma lieve, sclerosi valvolare aortica (ScVA), ad una forma severa che peggiora la motilità valvolare e determina stenosi valvolare aortica (SVA). La prevalenza della sclerosi aortica senza ostruzione del tratto di efflusso del ventricolo sinistro è del 30% nei pazienti di età superiore ai 65 anni. La fisiopatologia della MCVA non del tutto conosciuta e la diagnosi si basa su: presentazione clinica, ecocardiografia e cateterismo cardiaco. Un ottimo ausilio diagnostico è fornito dai biomarker che forniscono informazioni su: presenza, severità, progressione e prognosi della MCVA. Tali marker permettono di ottenere importanti informazioni atte ad ottimizzare i futuri interventi terapeutici.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail