Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Giugno;172(6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Giugno;172(6):487-94

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Giugno;172(6):487-94

lingua: Inglese

Caratteristiche antropometriche, forma fisica e stili di vita degli studenti universitari nella regione cilena del Maule

Santos C. S. 1, Contreras A. M. M. 1, Bawarshi Y. A. 1, Faúndez C. C. 1, Fuentes E. Q. 2, 3, Palomo I. G. 2, 3

1 Sports and Physical Activity Program, University of Talca, Talca, Chile;
2 Department of Clinical Biochemisty and Immunohematology, Faculty of Health Sciences, Interdisciplinary Excellence, Research Program on Health Aging (PIEI-ES) Universidad de Talca, Talca, Chile;
3 Centro de Estudios en , Alimentos Procesados (CEAP), Conicyt-Regional, Gore Maule, Talca, Chile


PDF  


Obiettivo. Il rischio metabolico e le malattie cardiovascolari sono fattori potenzialmente modificabili. Abbiamo determinato gli indicatori antropometrici, il livello di forma fisica e gli stili di vita degli studenti dell’Università di Talca in Cile.
Metodi. Allo studio hanno preso parte 1200 studenti di età compresa tra 18 e 26 anni (di cui il 55,7% donne). I soggetti sono stati valutati in accordo ai parametri antropometrici e alla forma fisica.
Risultati. Il 26,6% dei partecipanti presentava un indice di massa corporea oltre i 25 kg/m2 e il 9,4% presentava una circonferenza vita con un rischio aumentato. Il 70% degli studenti partecipanti ha riportato di svolgere attività sedentarie durante il tempo libero, il 90% dei quali ha riportato di non svolgere alcuna attività fisica a causa della mancanza di tempo, dello studio eccessivo, del disinteresse e della pigrizia.
Conclusioni. Nel presente studio, vi è un’elevata probabilità che gli studenti contraggano in futuro diverse malattie metaboliche e cardiovascolari a causa degli elevati tassi di sedentarietà, del peso corporeo eccessivo o dell’obesità e della scarsa condizione fisica dimostrata.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail