Ricerca avanzata

Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Giugno;172(6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Giugno;172(6):449-55

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOGAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia

Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Mensile

ISSN 0393-3660

Online ISSN 1827-1812

 

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Giugno;172(6):449-55

 ARTICOLI ORIGINALI

Valutazione della capacità fisica di giocatrici di pallavolo mediante il TW20meters test

Do Nascimento T. A., Verlengia R., Crisp A. H., Cesar M. C., Ferrari H. G., Sindorf M. A. G., Pelligrinotti Í. L.

Human Performance Research Group -, Master in Physical Education, College of Health Science Methodist University of Piracicaba (UNIMEP) Piracicaba, Sao Paulo, Brazil

Obiettivo. Obiettivo del presente studio è stato quello di caratterizzare le capacità fisiche di giocatrici di pallavolo utilizzando il TW20meters test, uno strumento di valutazione fisica basato sui movimenti motori nella modalità di gioco della pallavolo.
Metodi. Nove atlete classificate in ambito regionale (di età pari a 22±2 anni) si sono offerte volontarie per partecipare allo studio. Le partecipanti hanno effettuato i seguenti test: TW20meters test (per determinare la massima distanza corsa, la frequenza cardiaca picco (FCpicco), il numero di salti e la massima concentrazione di lattato), il test cardiopolmonare (per determinare il massimo consumo di ossigeno [VO2 picco] e la FCpicco) il test di Wingate (per determinare la massima potenza anaerobica e la potenza anaerobica relativa media) e il test del salto verticale. I dati ottenuti dai test cardiopolmonare, dal test di Wingate e dal test del salto verticale sono stati correlati e confrontati con i risultati del TW20meters test.
Risultati. Non vi era nessuna correlazione (P>0,05) tra la variabile della massima distanza corsa nel TW20meters test e il VO2 picco, la massima potenza anaerobica o la potenza anaerobica relativa media. Sono state osservate correlazioni positive tra la distanza massima corsa nel TW20meters test e l’altezza raggiunta nel test del salto verticale (P≤0,05) e tra le misurazioni della FCpicco ottenuta dal test cardiopolmonare e quella ottenuta dal TW20meters test (P≤0,01). La massima concentrazione di lattato ematico era di 6,5 mmol/l dopo il TW20meters test e non vi era nessuna differenza significativa (P>0,05) tra le misurazioni della FCpicco dal test cardiopolmonare e dal TW20meters test.
Conclusioni. Per concludere, la FCpicco e la massima concentrazione di lattato indicano che il TW20meters test è stato effettuato a un’elevata intensità. Il TW20meters test è efficace per studiare la forza esplosiva degli arti inferiori (salto verticale), come indicato dalla correlazione positiva tra la massima distanza corsa e l’altezza del salto verticale.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina