Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 May;172(5) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 May;172(5):379-85

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 May;172(5):379-85

lingua: Inglese

Ulcera digitale, fenomeno di Raynaud e osteomielite del quinto dito della mano destra con sclerosi sistemica. Esperienza personale

Cremona F. 1, Maiorana A. 1, Meli F. 2, Farinella D. 3, Agnello G. 1

1 Department of General Surgery and Metabolic Diseases, Paolo Giaccone General Hospital, Palermo, Italy;
2 Department of Angiology, Paolo Giaccone General Hospital, Palermo, Italy;
3 Department of Sciences for Health Promotion,, “Hygiene and Preventive Medicine”, Paolo Giaccone General Hospital, Palermo, Italy


PDF  


Gli autori riportano un caso di recente osservazione di ulcera digitale associata a malattia vascolare (fenomeno di Raynaud) e osteomielite del quinto dito della mano destra, in paziente con sclerosi sistemica (SSc). Il fenomeno di Raynaud (RP) è una manifestazione universale di SSc (95% di questi pazienti sono affetti); nel 30% dei pazienti predispone la formazione di ulcere digitali (DUS). Gli autori sottolineano l’importanza di una gestione clinica e chirurgica precoce; l’effetto negativo sulla funzione (functio laesa) e sulla qualità della vita della SSc-DU è significativo, essendo associato a dolore, disabilità e deturpazione. Nel nostro caso, la notevole remissione del quadro clinico è stato ottenuta secondariamente a somministrazione, per un lungo termine, di mepivacaina nella lesione e toilette della stessa, con aggiunta di pomata antibiotica. Successivamente, la paziente ha deciso di eseguire un trattamento locale sperimentale con bosentan, esitato con buoni risultati, sia locali che sistemici. Nonostante il notevole impatto clinico positivo, non escludiamo in futuro di attuare un trattamento chirurgico per correggere alterazioni non reversibili mediante trattamento clinico con bosentan. La paziente ha risposto bene al trattamento clinico; attualmente la clinica della paziente è in una fase stabile, con risoluzione del sintomo dolore, causato prima del trattamento dalla persistente osteomielite, implementando positivamente la sua qualità della vita. Lo scopo di questo lavoro è quello di discutere sulla definizione, origine, patogenesi, standard diagnostico, classificazione clinica e terapia dell’ulcera digitale secondaria a SSc. Gli autori credono nel trattamento chirurgico, come sola procedura capace di portare a cura il paziente, quando le ulcere digitali non sono più clinicamente trattabili.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail