Ricerca avanzata

Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Maggio;172(5) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Maggio;172(5):373-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOGAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Maggio;172(5):373-8

 CASI CLINICI

Cisti pancreatica congenita in una giovane donna: quale trattamento?

Cremona F. 1, Ciulla A. 1, Agnello G. 1, Farinella D. 2, Maiorana A. M. 1

1 Department of General Surgery and Metabolic Diseases, Paolo Giaccone General Hospital, Palermo, Italy;
2 Department of Sciences for Health Promotion,, “Hygiene and Preventive Medicine”, Paolo Giaccone General Hospital, Palermo, Italy

Obiettivo. Riportiamo un caso di cisti pancreatica congenita con alto livello di attività enzimatica, rara nei giovani e nei bambini, raramente riportata in letteratura.
La nostra giovane paziente è stata ricoverata nella nostra clinica con storia di gonfiore addominale e dolore durante l’esercizio fisico, della durata di molti mesi.
All’esame obiettivo era evidente una massa liscia sul lato sinistro dell’addome.
L’ecografia e la tomografia computerizzata hanno rivelato la sovracitata massa cistica, non settorializzata, di dimensioni 11,51 x 8,2 cm.
Metodo. Il trattamento chirurgico è stato considerato, ma data la giovane età della paziente, abbiamo optato per un trattamento meno cruento, per paura di complicazioni.
Pertanto, è stata eseguita una tecnica drenante ecoguidata percutanea.
Dopo una settimana, al controllo ecografico, a causa dell’ostruzione del drenaggio, abbiamo deciso di intervenire chirurgicamente.
Durante l’esplorazione chirurgica dell’addome, abbiamo notato una coda pancreatica più grande del normale, ed è stata notata l’origine cistica nella coda pancreatica. Abbiamo eseguito una cistectomia totale associata a pancreasectomia distale.
Risultati. Il periodo postoperatorio è stato libero da complicanze e il paziente è stato dimesso in settima giornata post-operatoria.
Nessuna complicazione è intervenuta durante i sei mesi di follow-up.
Conclusione. La diagnosi precoce e il tempestivo intervento hanno migliorato il risultato terapeutico chirurgico di questa malattia.
Ecografia, TC e RM sono metodiche utili nella diagnosi differenziale delle cisti addominali.
L’escissione totale della cisti, la pancreasectomia distale e la conservazione splenica sono da considerarsi come l’ideale trattamento.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina