Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 May;172(5) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 May;172(5):343-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 May;172(5):343-50

lingua: Inglese

Cinetica del lattato ematico nel recupero attivo e passivo

Ramos-Jiménez Arnulfo A. 1, Hernández-Torres R. P. 2, Wall-Medrano A. 1, Juarez-Oropeza M. A. 3, Vera-Elizalde M. 1

1 Health Science, Biomedical Science Institute Autonomous University of Ciudad Juarez Ciudad Juárez, Mexico;
2 Physical Education School Autonomous University of Chihuahua Ciudad Juárez, Chihuahua, Mexico;
3 Biochemical, Department, Medicine School National Autonomous University of Mexico Mexico D.F.


PDF  


Obiettivo. Obiettivo del presente articolo era quello di valutare la cinetica di recupero del lattato ematico ([La-]b) e di determinare le relazioni tra cinetica di recupero del [La-]b e capacità fisica in uomini fisicamente attivi.
Metodi. Diciassette uomini sani e fisicamente attivi hanno preso parte a tre diversi protocolli di recupero (recupero passivo, pedalata e camminata veloce) in seguito a un test anaerobico di Wingate. Il [La-]b è stato misurato mediante potenziometro/analisi enzimatica, il consumo massimo di O2 (VO2max) mediante un dispositivo di analisi metabolica (metabolic cart), la frequenza cardiaca mediante un cardiofrequenzimetro e la massa corporea mediante antropometria.
Risultati. Il recupero attivo (recupero mediante camminata veloce e pedalata) ha mostrato un minore tempo per la concentrazione picco del [La-]b, una minore area sotto la curva del [La-]b ([La-]b AUC) e una maggiore rimozione di [La-]b (γ2) rispetto al recupero passivo. Inoltre, il recupero mediante camminata veloce presentava il minore accumulo finale di [La-]b, la minore AUC del [La-]b e il maggiore indice di recupero del [La-]b (p<0,05). La cinetica di recupero del [La-]b dipendeva dalla capacità fisica dei soggetti: durante il recupero passivo, > 79% della varianza è stata spiegata mediate l’AUC del carico di lavoro, la massa muscolare e la soglia del lattato; durante il recupero attivo > 73% della varianza è stata spiegata mediante l’età, la massa muscolare, il VO2max e la soglia del lattato.
Conclusioni. Le variazioni nella cinetica di recupero del [La-]b dipendono soprattutto dalla capacità fisica di un soggetto. La cinetica di recupero del [La-]b era più efficiente durante il recupero attivo rispetto al recupero passivo (camminata veloce > pedalata > recupero passivo).

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail