Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Aprile;172(4) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Aprile;172(4):247-52

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 Aprile;172(4):247-52

lingua: Inglese

Calcinosi della media: un marcatore di aumento del rischio cardiovascolare

Gaspar L. 1, Makovnik M. 1, Bendzala M. 1, Hlinstakova S. 1, Gavornik P. 1, Dukat A. 1, Stvrtinova V. 1, Stvrtina S. 2, Danihel L. 2, Babal P. 2

1 Second Department of Internal Medicine, University Hospital and Faculty of Medicine Comenius University, Bratislava, Slovak Republic;
2 Institute of Pathological Anatomy, Faculty of Medicine Comenius, University Bratislava, Slovak Republic


PDF  


Obiettivo. La calcinosi della media (o sclerosi calcifica mediale di Mönckeberg) è una malattia delle arterie di tipo muscolare caratterizzata da un progressivo accumulo di calcio a livello della tonaca media. La malattia si presenta più frequentemente nel diabete mellito e nell’insufficienza renale cronica ed è associata all’iperparatiroidismo secondario.
Metodi. La diminuzione dell’indice di pressione caviglia/arteria brachiale (ABI) è un noto marcatore di aumento del rischio di cardiopatie. Tuttavia, anche valori ABI superiori a 1,3 in presenza di calcinosi mediale sono associati a una maggiore mortalità per cause cardiovascolari.
Risultati. Mediante monitoraggio longitudinale con ECG Holter in un gruppo di 22 pazienti con diagnosi di calcinosi della media, abbiamo rilevato una frequente incidenza di aritmie cardiache e ischemie miocardiche (91%). Solo due pazienti (9%) presentavano registrazioni ECG Holter nella norma.
Conclusioni. I nostri risultati confermano l’importanza della stima ABI nella pratica clinica; inoltre, il monitoraggio con ECG Holter fornisce informazioni importanti per migliorare la gestione clinica di tali pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail