Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 December;171(6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 December;171(6):785-93

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 December;171(6):785-93

lingua: Inglese

Risposte fisiologiche dei praticanti di sci alpino durante la camminata con supporto di una corda elastica

Haudum A. 1, 2, Birklbauer J. 1, 2, Müller E. 1, 2

1 Department of Sport Science and Kinesiology, University of Salzburg, Austria;
2 Christian Doppler Laboratory ‘Biomechanics in Skiing’, Salzburg, Austria


PDF  


Obiettivo. Il nostro obiettivo è stato verificare l’effetto dell’uso di corde elastiche di supporto (dovuto alla loro influenza sui fenomeni reattivi) sul dispendio energetico nel percorrere un percorso sciistico alpino itinerante di 30 minuti e di 1,5 ore.
Metodi. Diciassette uomini e donne allenati allo sci alpino hanno eseguito due camminate su tapis roulant di 30 minuti ognuna con una velocità definita individualmente a priori (con un intervallo da 3 a 5 km∙h-1) con pendenza pari al 24%. Inoltre, tre dei partecipanti uomini hanno anche effettuato una camminata di 1,5 ore. Le corde sono state attaccate dal fianco anteriore all’alluce, la lunghezza è stata aggiustata individualmente per raggiungere un effetto di supporto simile tra le corde. Per stimare le differenze nella risposta fisiologica e nello sforzo individuale, sono state eseguite le seguenti misurazioni: la spiro-ergometria respiro per respiro, i livelli di lattato, le frequenza cardiaca e l’indice di fatica percepita.
Risultati. Non si sono verificati significativi cambiamenti dei parametri fisiologici nel gruppo dell’esercizio di 30 minuti, in ogni caso gli indici di fatica percepita si sono rivelati significativamente più bassi durante la camminata con la corda. Per le misurazioni prolungate, i dati suggeriscono un effetto di supporto delle corde in quanto i dati fisiologici risultano essere al di sotto dei dati relativi ad una camminata normale e gli indici si rivelano ulteriormente più bassi.
Conclusioni. Mentre la camminata di 30 minuti con la corda elastica non mostra differenze nella risposta fisiologica misurata, l’indice di sforzo percepito risulta influenzato. Questa differenza risulta evidente solo per camminate di lungo periodo, come indicato dai dati sperimentali a lungo termine. Ciò torna a favore di un potenziale utilizzo delle forze di supporto prodotte dalle corde.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail