Ricerca avanzata

Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 Dicembre;171(6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 Dicembre;171(6):675-82

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOGAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia

Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Mensile

ISSN 0393-3660

Online ISSN 1827-1812

 

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 Dicembre;171(6):675-82

 ARTICOLI ORIGINALI

Studio comparativo: camminata e camminata nordica

Schaar B. 1, Nonn J. M. 1, Moos-Thiele C. 1, Gruetzner A. 1, Platen P. 2

1 Institute of Health Promotion and Clinical Movement Science, German Sport University, Cologne, Germany;
2 Department of Sports Medicine and Sports Nutrition, Ruhr-University, Bochum, Germany

Obiettivo. Scopo di questo studio è stato confrontare la domanda individuale metabolica e cardiopolmonare a breve termine della camminata e della camminata nordica.
Metodi. Ha partecipato un totale di 20 studenti sportivi della German Sport University di Colonia (13 uomini, 7 donne; età 26.30±1.95 anni; BMI 22.29±1.60 kg/m²). I test sono stati condotti durante quattro diversi giorni. I soggetti hanno eesguito il test UKK ed il test dei 6 minuti utilizzando le tecniche della camminata e della camminata nordica. Sono stati misurati i seguenti parametri durante ogni test: distanza percorsa (test dei 6 minuti), tempo impiegato (test UKK), concentrazione di lattato, valori spirometrici (VO2, VCO2, RER), frequenza cardiaca e tasso di sforzo percepito (Borg).
Risultati. L’analisi statistica ha mostrato una velocità più alta nel test dei 6 minuti rispetto il test UKK. È possibile documentare un più alto grado di sforzo sia metabolico che cardiopolmonare. Durante il test UKK, il grado di sforzo fisico si è rivelato più del doppio rispetto quello registrato durante il test dei 6 minuti. In entrambi i test è possibile osservare una velocità superiore nella tecnica della camminata rispetto la camminata nordica. Nel complesso, si osserva un moderato sforzo cardiopolmonare e metabolico nella camminata e nella camminata nordica.
Conclusioni. Può essere confermato che la camminata e la camminata nordica appartengono ai classici sport di resistenza adatti per programmi preventivi e riabilitativi. Dovrebbe essere comunque data un’istruzione di tipo metodologico nell’esecuzione della camminata nordica allo scopo di beneficiare dell’efficacia dell’allenamento.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina