Ricerca avanzata

Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 Ottobre;171(5) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 Ottobre;171(5):669-73

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOGAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia

Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Mensile

ISSN 0393-3660

Online ISSN 1827-1812

 

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 Ottobre;171(5):669-73

 CASI CLINICI

Miotomia del muscolo cricofaringeo nella terapia di discinesia dello sfintere esofageo superiore

Cremona F., Maiorana A., Agnello G.

Department of General Surgery and Metabolic Diseases, Paolo Giaccone General Hospital, Palermo, Italy

La discinesia esofagea è un disturbo del movimento che può manifestarsi lungo l’intero esofago, dallo sfintere esofageo superiore allo sfintere esofageo inferiore. Nella nostra esperienza, l’atto chirurgico prevedente una miotomia, è l’unica procedura per il trattamento di malattie funzionali come la Discinesia dell’UES (sfintere esofageo superiore). L’efficienza della pompa faringea, la presenza di UES iperteso e la conservazione della peristalsi esofagea, in assenza di GERD (Malattia da Reflusso Gastro-Esofageo), sono condizioni imprescindibili per considerare un paziente eleggibile chirurgicamente. Gli Autori sottolineano l›importanza di una attenta selezione dei pazienti sottoposti al trattamento chirurgico (miotomia del muscolo cricofaringeo), essendo decisivo, nella esperienza personale, in tutti i pazienti trattati, senza abbandonare tecniche operative alternative, anche in accordo con il paziente. Dal gennaio 2006 al dicembre 2011, gli Autori hanno trattato 11 pazienti, di cui 9 affetti da Discinesia idiopatica dell’UES, 2 affetti da discinesia dell’UES secondaria a ictus cerebri; quattro di loro presentavano un diverticolo di Zenker associato, in 1 caso era presente un gozzo associato; di questi, l’autore riporta la clinica di due pazienti, clinicamente e strumentalmente più rappresentativi. In tutti questi casi abbiamo effettuato una miotomia extramucosa del muscolo cricofaringeo attraverso un approccio laterocervicale destro. Tutti i pazienti da noi trattati, hanno avuto benefici precoci, con risoluzione della disfagia; uno dei pazienti con ictus cerebri, ha goduto di miglioramento solo parziale dei sintomi; in un caso abbiamo eseguito una tiroidectomia contemporanea. Gli autori ritengono che il trattamento chirurgico sia l’unica procedura, dopo accurata selezione dei pazienti, capace di portare i pazienti verso una cura. Il follow-up (in corso), fino ad ora, non ha evidenziato complicazioni o casi di reintervento, rafforzando l’idea degli autori, riguardo l›efficacia del trattamento chirurgico.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina