Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 Giugno;171(3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 Giugno;171(3):351-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

CASI CLINICI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 Giugno;171(3):351-6

lingua: Inglese

Diverse aree di captazione del 18-Fluoro-desossiglucosio in una paziente affetta da linfoma non-Hodgkin

Niccoli Asabella A., Notaristefano A., Pisani A. R., Iuele F., Altini C., Rubini G.

Nuclear Medicine Unit, Di.M.I.M.P., University of Bari, Bari, Italy


PDF  


Riportiamo il caso di una donna di 64 anni affetta da linfoma non-Hodgkin (LNH), che dopo la chemioterapia ha mostrato immunosoppressione e dolore articolare a livello dell’articolazione coxofemorale sinistra, rivelatosi in seguito attribuibile a un’artrite settica. Per ristadiare il LNH dopo chemioterapia è stato eseguito un esame PET/TC con 18-Fluorodessossiglucosio (18F-FDG-PET/TC) che ha mostrato aumentato assorbimento di glucosio nei linfonodi carenali e para-tracheali di destra. In aggiunta sono state osservate altre aree di aumentato metabolismo glicidico nel tessuto osseo e dei tessuti molli intorno alla testa e al collo del femore sinistro, nell’acetabolo omolaterale e nelle inserzioni muscolari dell’anca destra. I risultati della 18F-FDG-PET/TC, la storia clinica e i sintomi hanno sollevato il sospetto di un processo settico dell’articolazione dell’anca sinistra. È stato anche effettuato un esame con 99mTc-sulesomab (LeukoScan®, Immunomedics®, New Plains, NJ, USA), eseguito in posizione antalgica (gamba sinistra flessa) che ha mostrato patologico assorbimento nei tessuti molli attorno alla cavità dell’acetabolo di sinistra e della testa e del collo del femore omolaterale. Successivamente sono state eseguite anche due emocolture da campioni di sangue prelevati durante il ricovero, che sono risultate entrambe positive per un ceppo di Escherichia coli resistente alla cefazolina e alla gentamicina ma sensibile alla ciprofloxacina e al cotrimossazolo. Il paziente è stato quindi trattato con riposo per 15 giorni e ciprofloxacina per via endovenosa; la febbre e il dolore all’anca sinistra si sono gradualmente risolti. Dopo la fine della terapia antibiotica, il paziente ha potuto riavviare il ciclo di chemioterapia per il LNH ed è ora in follow-up. Questo caso clinico è un ottimo esempio di come la 18F-FDG-PET/TC, supportata da un’attenta anamnesi e revisione dei precedenti esami diagnostici, consente di identificare molteplici aree di captazione del 18F-FDG e assegnare il giusto significato ad ognuna di queste sedi, per utilizzare queste informazioni al fine di migliore gestione clinica dei pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail