Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 February;171(1) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 February;171(1):35-43

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GAZZETTA MEDICA ITALIANA ARCHIVIO PER LE SCIENZE MEDICHE

Rivista di Medicina Interna e Farmacologia


Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 February;171(1):35-43

lingua: Inglese

La triade dell’atleta donna nelle donne fisicamente attive di età universitaria

Battista R. A. 1, Foster C. 2, Davis J. 2, Wright G. 2

1 Department of Health, Leisure and Exercise Science, Appalachian State University, Boone, NC, USA
2 Department of Exercise and Sport Science, University of Wisconsin, La Crosse, La Crosse, Wisconsin, USA


PDF  


Obiettivo. Scopo di questo studio è stato osservare quali componenti o combinazioni di componenti della triade dell’atleta donna sono presenti in una popolazione di donne fisicamente attive.
Metodi. Hanno partecipato 35 donne di età relativa agli anni trascorsi in università non assumenti contraccettivi orali. Di tutte le partecipanti sono stati registrati per 3 giorni i dati relativi all’attività fisica e per 24 ore invece quelli relativi all’assunzione di cibo allo scopo di valutare il dispendio di energia rispetto l’assunzione di alimenti. Inoltre, sono state richieste informazioni relative alla storia dei cicli mestruali. Infine è stata effettuata una scansione DEXA per ottenere la densità ossea e la composizione corporea.
Risultati. È stata conteggiata la frequenza di ogni componente della triade osservando che nessuna partecipante ha soddisfatto i criteri per tutti e tre i componenti. Solo una partecipante ha mostrato segni sia di bassa disponibilità energetica, sia di irregolarità nel ciclo mestruale. Non si è presentata nessun’altra combinazione dei componenti della triade dell’atleta donna. Conclusione. Nell’insieme, i nostri risultati suggeriscono che le donne fisicamente attive di età universitaria hanno un basso rischio di sviluppare la triade dell’atleta donna.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail